Cerca
  • Libereria

DUE SOLI DI NOTTE di Majlinda Petraj

Nella pienezza della sera

cerco di sminuzzare la solitudine

in cerca di altri margini

che possano combaciare con la mia.

Non è facile.

Perché le solitudini sono figlie uniche

di doglie atroci e taciute

partorienti di nuove consapevolezze.

In apparenza, simili,

impronta digitale

di anime colpevoli d'autenticità.

E se capita

che dentro l'oblio dei tuoi tremori

senti ancora la musica

e ti vedi danzare, un passo a due,

sappi che stai vivendo

dentro la pagina di una favola.

Dove tutto è possibile

la lavanda non appassisce

il Sole corteggia la superficie delle foglie

il dolore incide memorie

il Silenzio suona dolce

e tutto sembra uno spartito,

Sinfonia.

32 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof