top of page
Cerca
  • Libereria

DUE UNDICI di Noemi Agostino

Guardo un fiore

in questo appassito novembre

che versa lacrime di pioggia

per il ricordo

loro.

Non è il colore

né l’odore

che mi sovviene

e mi ripercuote,

ma il pallore

e la durezza di sassi

che si arrovellano

e rotolano

verso la valle spenta

della mancanza.

Rimembrare è dolce

è la vita che ritorna

e si fa ammirare

in sprazzi di luci e gioie,

miracoli quotidiani passati

ma tornati a interrogarmi.

Non risponderò mai

così quelle domande,

nostalgie di un tempo che fu

potranno tornare

a tacere la corda vocale,

a palpitare

nel mio centro

e a sospirare per me

se mi addormento.

56 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st

bottom of page