Cerca
  • Libereria

DUE UNDICI di Noemi Agostino

Guardo un fiore

in questo appassito novembre

che versa lacrime di pioggia

per il ricordo

loro.

Non è il colore

né l’odore

che mi sovviene

e mi ripercuote,

ma il pallore

e la durezza di sassi

che si arrovellano

e rotolano

verso la valle spenta

della mancanza.

Rimembrare è dolce

è la vita che ritorna

e si fa ammirare

in sprazzi di luci e gioie,

miracoli quotidiani passati

ma tornati a interrogarmi.

Non risponderò mai

così quelle domande,

nostalgie di un tempo che fu

potranno tornare

a tacere la corda vocale,

a palpitare

nel mio centro

e a sospirare per me

se mi addormento.

51 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

DA "IL GRANELLA E I PICCIRILLI" di Sebastiano Privitera

(riduzione e adattamento di una novella di L. Pirandello) … Tinino: -(falsamente umile) Perdoni, signor avvocato... mi potrebbe spiegare come si formano le nuvole? Zummo - (c.s.) Come si formano le nu

VRAD=G'AN di Gianluca Sonnessa

Abbiamo sbloccato lucchetti usando la stessa chiave Per scoprire che non c'erano porte chiuse, anzi, non esistevano le porte o lucchetti. Ma esistono le chiavi. Le briciole si sono trasformate in Doma

NVS201 di Alessandro Mazzà

Prepara l’esperienza che non te ne aggiungerà mettici l’accoglienza e la paura cosmica della novità mettici il lievito sbagliato salutare della partecipazione mettici la passione che ti sporca la pass