Cerca
  • Libereria

DUE UNDICI di Noemi Agostino

Guardo un fiore

in questo appassito novembre

che versa lacrime di pioggia

per il ricordo

loro.

Non è il colore

né l’odore

che mi sovviene

e mi ripercuote,

ma il pallore

e la durezza di sassi

che si arrovellano

e rotolano

verso la valle spenta

della mancanza.

Rimembrare è dolce

è la vita che ritorna

e si fa ammirare

in sprazzi di luci e gioie,

miracoli quotidiani passati

ma tornati a interrogarmi.

Non risponderò mai

così quelle domande,

nostalgie di un tempo che fu

potranno tornare

a tacere la corda vocale,

a palpitare

nel mio centro

e a sospirare per me

se mi addormento.

53 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

LA MORTE DEL SIPARIO di Gianluca Sonnessa

Sono stato sull'orlo del burrone. Per diventare l'orlo, il burrone, la caduta, l'ultima onda sotto l'ultimo cielo dell'ultimo mio attimo di morte. Sono stato l'amore. Per diventare il suo sangue, la s

NVS208 di Alessandro Mazzà

Cosa scrivo? Il poema dell’inesistenza dello spazio e del tempo e del loro fare un bel male Tutto intero il libro del mondo nel piccolo mio capitolo del libro del mondo Che sono un uomo che vuol dire

IL GESTO DELL'ABBRACCIO di Sandra Iai

Il libro fa il gesto dell'abbraccio prendendo i tuoi pensieri li custodisce nel segreto delle sue pagine chi vorrà muovere i suoi passi chi si soffermerà al suo interno avrà preso la decisione di entr