Cerca
  • Libereria

DUE UNDICI di Noemi Agostino

Guardo un fiore

in questo appassito novembre

che versa lacrime di pioggia

per il ricordo

loro.

Non è il colore

né l’odore

che mi sovviene

e mi ripercuote,

ma il pallore

e la durezza di sassi

che si arrovellano

e rotolano

verso la valle spenta

della mancanza.

Rimembrare è dolce

è la vita che ritorna

e si fa ammirare

in sprazzi di luci e gioie,

miracoli quotidiani passati

ma tornati a interrogarmi.

Non risponderò mai

così quelle domande,

nostalgie di un tempo che fu

potranno tornare

a tacere la corda vocale,

a palpitare

nel mio centro

e a sospirare per me

se mi addormento.

48 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

POESIA DI LATO di Stefania Rossi

Non lo so... So cosa non può essere Non sono io Non è l'alba Non è nemmeno nelle foglie d'autunno Non è il viso carico di mia madre Non è nelle cose che non ho Non è un bambino che gioca alla guerra N

NVS181 di Alessandro Mazzà

Chi vede scrive e consuma chi ha visto ha negato ogni altra vista futura come di cosa detta verità trovata intoccabile come di spiaggia dataci senza orme perché cambiasse

PACE di Sandra iai

Non c'è modo di parlare di morte se non da vivi non posso parlare di vita se non da morta quanta pace occorre per poter parlare ma è solo quando mi trovo all'inferno che riesco veramente a scrivere

© 2017 Libereria