Cerca
  • Libereria

E… di Maria Teresa de Carolis

E se tornassi su quella rotaia

Fare dieci scalini e cadere

E tornare, quella linea

Che cade, che stupida!

Finiscila di contare stelle

Smettila di credere che finiranno

Le conterai in eterno

Qualcosa ti cadrà sulla testa

Rotazione di missili

Di cartone e cioccolato

Bombe che sembrano giocattoli

Sono bottiglie mascherate da superalcolico

Bevi, dimentica

Shhhhhh! Zitto

Ascolta il suono scricchiolante

Del tuo cuore invecchiato

I mille pezzi della tua vita

Che affannosamente cerchi

Di incollare

E basta!

Lasciali cadere quei pezzi

E se poi resterai nudo

Forse avrai freddo

Ma leggero potrai scappare

Passa quel tunnel dai

Io ti aspetto dall’altra parte

14 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof