Cerca
  • Libereria

ERA D'ESTATE di Livio Aquila

Era d’estate e prima della sera scendeva il sole immenso e solitario sul mare muto, innanzi alla scogliera.

Oltre le dune dorate il millenario greco sonno dormiva Camarina. Da bambino, per nulla temerario,

m’allontanavo dall’onda marina, mi trattenevo con zii e cugini. Una voce da una radio vicina

come l’eco d’antichi vaticini Run away, turn away... mi ripeteva. Non so da quali remoti confini

giungesse l’eco che mi seduceva. Come discesa dall’olimpio monte una ciurma di giovani giocava

rincorrendosi contro l’orizzonte, sorridenti tra l’acqua cristallina che si gettavano tra lor difronte.

Nella luce del sole che declina ancora un po’ si mostrano gli dei ​quasi dappresso alla città in rovina.


Se fu un ricordo o sogno non saprei.


86 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st