Cerca
  • Libereria

ERA D'ESTATE di Livio Aquila

Era d’estate e prima della sera scendeva il sole immenso e solitario sul mare muto, innanzi alla scogliera.

Oltre le dune dorate il millenario greco sonno dormiva Camarina. Da bambino, per nulla temerario,

m’allontanavo dall’onda marina, mi trattenevo con zii e cugini. Una voce da una radio vicina

come l’eco d’antichi vaticini Run away, turn away... mi ripeteva. Non so da quali remoti confini

giungesse l’eco che mi seduceva. Come discesa dall’olimpio monte una ciurma di giovani giocava

rincorrendosi contro l’orizzonte, sorridenti tra l’acqua cristallina che si gettavano tra lor difronte.

Nella luce del sole che declina ancora un po’ si mostrano gli dei ​quasi dappresso alla città in rovina.


Se fu un ricordo o sogno non saprei.


85 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof