Cerca
  • Libereria

ERA D'ESTATE di Livio Aquila

Era d’estate e prima della sera scendeva il sole immenso e solitario sul mare muto, innanzi alla scogliera.

Oltre le dune dorate il millenario greco sonno dormiva Camarina. Da bambino, per nulla temerario,

m’allontanavo dall’onda marina, mi trattenevo con zii e cugini. Una voce da una radio vicina

come l’eco d’antichi vaticini Run away, turn away... mi ripeteva. Non so da quali remoti confini

giungesse l’eco che mi seduceva. Come discesa dall’olimpio monte una ciurma di giovani giocava

rincorrendosi contro l’orizzonte, sorridenti tra l’acqua cristallina che si gettavano tra lor difronte.

Nella luce del sole che declina ancora un po’ si mostrano gli dei ​quasi dappresso alla città in rovina.


Se fu un ricordo o sogno non saprei.


85 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

IL CERCHIO di Gianluca Sonnessa

I vicoli stretti nell'abbraccio delle case in pietra, il suono dei nostri passi, un bacio autunnale. Ai piedi del lampione il cappello del sassofonista con qualche moneta. Perdermi e ritrovarti, nel m

LACRIME DAL CIELO di Sandra Iai

Una suola di cuoio batte ritmicamente sull'asfalto bagnato nella notte della città Il fascio di luce dei fari di una vecchia utilitaria illumina le goccioline sollevate dall'impatto Seduta sul gradino

NVS251 di Alessandro Mazzà

Il peso dei sogni mi sveglia Meravigliatevi basta torniamo alla scena Eccomi sono ancora uno spiantato felice e generoso moribondo trovo il tempo di scrivere qualcosa che sembra per voi C’è stato un i