Cerca
  • Libereria

ERO E SARÒ di Lorena Giardino

Vetro soffiato fui, a volte, o nube eterea

e forse sbiadito e flebile fu il canto mio

ma nell’evaporare e perdermi sempre trovai

quell'eterno e fugace istante

lì, proprio lì, dove i colori

esplodevano dentro,

cacofonia di vibrazioni fluttuanti.

E da lì rinascevo,

scoprendo ogni volta

la bellezza del mondo.

Ecco le mani, le mie mani,

protese ad afferrare

frammenti di luce.

Ed ero forse, a volte, assenza di movimento

ma nel restare immobile

in balia del vento

sempre ho trovato in me il ritmo di una danza

fra le rughe del tempo.

Ero e sono tutto questo e altro ancora

e forse un dì di iridescenza intrisa

possenti le ali spiegherò

sì, lo farò per elevarmi oltre il blu del cielo.

26 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof