Cerca
  • Libereria

FALSE ASPETTATIVE di Sebastiano Privitera

Virennu ca l'acqua iera troppu brurusa

pinsai: “uora 'a fazzu srìnciri 'npocu”;

misi a pignata co' cummogghiu chiusa,

rapìu 'u gas e c'addumai 'u focu.


Quannu ugghìu ci livai 'u cummogghiu

pi fari sfugari ie nesciri 'u vapuri;

a parti pigghiai 'a buttigghia 'i ll'ogghiu

pi falla cchiù bbona ie ddàrici sapuri.


Fici passari ch'iassai ri 'n'oretta;

quannu pinsai ca pronta già iera

stutai 'u gas girannu 'a manetta,

pigghiai 'u cucchiaru c'a 'nsalatera.

Uora pinsati 'a facci ca fici

quannu, mittennimi 'a pignata ravanti,

tutt'orgogliosu, cuntentu e felici,

visti ca rintra iera tutta vacanti!

7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof