Cerca
  • Libereria

FALSE ASPETTATIVE di Sebastiano Privitera

Virennu ca l'acqua iera troppu brurusa

pinsai: “uora 'a fazzu srìnciri 'npocu”;

misi a pignata co' cummogghiu chiusa,

rapìu 'u gas e c'addumai 'u focu.


Quannu ugghìu ci livai 'u cummogghiu

pi fari sfugari ie nesciri 'u vapuri;

a parti pigghiai 'a buttigghia 'i ll'ogghiu

pi falla cchiù bbona ie ddàrici sapuri.


Fici passari ch'iassai ri 'n'oretta;

quannu pinsai ca pronta già iera

stutai 'u gas girannu 'a manetta,

pigghiai 'u cucchiaru c'a 'nsalatera.

Uora pinsati 'a facci ca fici

quannu, mittennimi 'a pignata ravanti,

tutt'orgogliosu, cuntentu e felici,

visti ca rintra iera tutta vacanti!

5 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

NVS164 di Alessandro Mazzà

I poeti che invecchiano hanno una lunga stagione finale Hanno capito finalmente tutto della vita ammettono anche me al loro circolo dove continuo a non salutare nessuno Fuori c'è il mondo di fuori al

RIPOSO di Sandra Iai

Lascia andare per quanto ti sforzi per quanto tenti di serrare le dita l'acqua scorre e riuscirà a passare Lascia perdere i tuoi pensieri ti torturano la rabbia per le ingiustizie ti impedisce un sonn

© 2017 Libereria