Cerca
  • Libereria

FALSE ASPETTATIVE di Sebastiano Privitera

Virennu ca l'acqua iera troppu brurusa

pinsai: “uora 'a fazzu srìnciri 'npocu”;

misi a pignata co' cummogghiu chiusa,

rapìu 'u gas e c'addumai 'u focu.


Quannu ugghìu ci livai 'u cummogghiu

pi fari sfugari ie nesciri 'u vapuri;

a parti pigghiai 'a buttigghia 'i ll'ogghiu

pi falla cchiù bbona ie ddàrici sapuri.


Fici passari ch'iassai ri 'n'oretta;

quannu pinsai ca pronta già iera

stutai 'u gas girannu 'a manetta,

pigghiai 'u cucchiaru c'a 'nsalatera.

Uora pinsati 'a facci ca fici

quannu, mittennimi 'a pignata ravanti,

tutt'orgogliosu, cuntentu e felici,

visti ca rintra iera tutta vacanti!

6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SCRIVO PERCHÉ… di Mariateresa Scionti

Scrivo perché mi pesa il cuore, perché le parole, a volte, martellano così forte da farsi strada prepotentemente e gettarsi sulla carta. Scrivo perché è l'unico modo che ho per stringerti e respirarti

NVS219 di Alessandro Mazzà

Il mio destinatario passeggero eterno offre l’ascoltatore che ha in sé Così queste parole e non queste nascevano per farsi dire Sono finte pagine ma le pagine prenderanno un tradimento in affidamento

LOTTA di Sandra Iai

Quell'onda impetuosa che a volte mi afferra mi trascina in angoli inesplorati della mia mente Malata è la comunicazione parole distorte di ingiustificata superbia arrivano al mio orecchio Annaspo e lo