Cerca
  • Libereria

FALSE ASPETTATIVE di Sebastiano Privitera

Virennu ca l'acqua iera troppu brurusa

pinsai: “uora 'a fazzu srìnciri 'npocu”;

misi a pignata co' cummogghiu chiusa,

rapìu 'u gas e c'addumai 'u focu.


Quannu ugghìu ci livai 'u cummogghiu

pi fari sfugari ie nesciri 'u vapuri;

a parti pigghiai 'a buttigghia 'i ll'ogghiu

pi falla cchiù bbona ie ddàrici sapuri.


Fici passari ch'iassai ri 'n'oretta;

quannu pinsai ca pronta già iera

stutai 'u gas girannu 'a manetta,

pigghiai 'u cucchiaru c'a 'nsalatera.

Uora pinsati 'a facci ca fici

quannu, mittennimi 'a pignata ravanti,

tutt'orgogliosu, cuntentu e felici,

visti ca rintra iera tutta vacanti!

7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

IL CERCHIO di Gianluca Sonnessa

I vicoli stretti nell'abbraccio delle case in pietra, il suono dei nostri passi, un bacio autunnale. Ai piedi del lampione il cappello del sassofonista con qualche moneta. Perdermi e ritrovarti, nel m

LACRIME DAL CIELO di Sandra Iai

Una suola di cuoio batte ritmicamente sull'asfalto bagnato nella notte della città Il fascio di luce dei fari di una vecchia utilitaria illumina le goccioline sollevate dall'impatto Seduta sul gradino

NVS251 di Alessandro Mazzà

Il peso dei sogni mi sveglia Meravigliatevi basta torniamo alla scena Eccomi sono ancora uno spiantato felice e generoso moribondo trovo il tempo di scrivere qualcosa che sembra per voi C’è stato un i