Cerca
  • Libereria

FILASTROCCA DEL CASTELLO DI SABBIA di Lorena Giardino

“Toc toc?”

Sì, vieni avanti

Entra nel mio castello

Ci abito da sempre

Lo vedi quanto è bello?

Entra e siedi pure

Su un bel sofà di sogni,

L'ho preso a prezzo scontato

Al magazzino dei ricordi.

“Toc toc?”

Sì, vieni avanti!

Ti piace il mio castello?

Di sabbia sono i muri

Di ciottoli gli arredi

Di legnetti il bel tappeto

Su cui poggiare i piedi.

“Toc toc?”

Sì, dai fai pure

Ti puoi accomodare

Se hai voglia di tuffarti

Vicino c’è anche il mare.

La vita in fondo è questo...

Speranza ed illusioni

Se di abitare un castello di sabbia

Puoi scrivere ed immaginare

Nessuno potrà fermarti

Quando spiegherai le ali

E inizierai a volare.

14 visualizzazioni1 commento

Post recenti

Mostra tutti

SCRIVO PERCHÉ… di Mariateresa Scionti

Scrivo perché mi pesa il cuore, perché le parole, a volte, martellano così forte da farsi strada prepotentemente e gettarsi sulla carta. Scrivo perché è l'unico modo che ho per stringerti e respirarti

NVS219 di Alessandro Mazzà

Il mio destinatario passeggero eterno offre l’ascoltatore che ha in sé Così queste parole e non queste nascevano per farsi dire Sono finte pagine ma le pagine prenderanno un tradimento in affidamento

LOTTA di Sandra Iai

Quell'onda impetuosa che a volte mi afferra mi trascina in angoli inesplorati della mia mente Malata è la comunicazione parole distorte di ingiustificata superbia arrivano al mio orecchio Annaspo e lo