Cerca
  • Libereria

GIRO DI CHIAVE di Luigi Costantino

Sono stato ingannato

qualcuno mi ha sorpreso

ho perso, e qualche volta

ho vinto

ma non si sa mai

quale partita giochiamo

lungo le strade del quotidiano.

Tutti sono bravi a nascondere

qualcosa, io no

mi si vedono i sentimenti

e fatico a mostrar rabbia,

eppure non mi dispiace:

non ne ho quasi mai voglia.

Quello che mi fa felice

è sentire il rumore

della chiave che gira,

e la porta che si apre.

Sei tu

che mi lasci vedere 

la luce

sei tu

che mi regali sorrisi

e un nuovo senso

per queste vecchie scarpe consumate.

Non so bene dove vado

ma so che mi piace

il percorso che porta 

a te.

Ormai è banale

dirti che ti amo:

so che senza di te

continuerei a vivere.

Certamente, lo farei

respirando di meno,

con qualche nuvola

sopra la testa,

e con le gambe

molto più corte.

39 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SCRIVO PERCHÉ… di Mariateresa Scionti

Scrivo perché mi pesa il cuore, perché le parole, a volte, martellano così forte da farsi strada prepotentemente e gettarsi sulla carta. Scrivo perché è l'unico modo che ho per stringerti e respirarti

NVS219 di Alessandro Mazzà

Il mio destinatario passeggero eterno offre l’ascoltatore che ha in sé Così queste parole e non queste nascevano per farsi dire Sono finte pagine ma le pagine prenderanno un tradimento in affidamento

LOTTA di Sandra Iai

Quell'onda impetuosa che a volte mi afferra mi trascina in angoli inesplorati della mia mente Malata è la comunicazione parole distorte di ingiustificata superbia arrivano al mio orecchio Annaspo e lo