Cerca
  • Libereria

HO STRETTO PIÙ FORTE di Mariateresa Scionti

Ho provato a immaginare

il suono del silenzio,

inesorabilmente,

il vuoto nella mia mente.


Echi lontani risuonano dentro:

"Chi sei tu che mi rieccheggi dentro?"

Abbraccio la tua assenza,

consumata da pensieri,

macinata in piccoli grani,

sepolta dai chilometri.


Ho stretto più forte,

senza mai lasciare andare la presa.


I tuoi occhi a distanza,

seguono i miei giorni,

lenti,

inesorabili,

vuoti.


Ho provato a disegnare

ciò che provo,

ma la matita è tremula

i contorni poco definiti.

Una promessa?

Una speranza?

L'attesa.

60 visualizzazioni1 commento

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof