top of page
Cerca
  • Libereria

HO STRETTO PIÙ FORTE di Mariateresa Scionti

Ho provato a immaginare

il suono del silenzio,

inesorabilmente,

il vuoto nella mia mente.


Echi lontani risuonano dentro:

"Chi sei tu che mi rieccheggi dentro?"

Abbraccio la tua assenza,

consumata da pensieri,

macinata in piccoli grani,

sepolta dai chilometri.


Ho stretto più forte,

senza mai lasciare andare la presa.


I tuoi occhi a distanza,

seguono i miei giorni,

lenti,

inesorabili,

vuoti.


Ho provato a disegnare

ciò che provo,

ma la matita è tremula

i contorni poco definiti.

Una promessa?

Una speranza?

L'attesa.

61 visualizzazioni1 commento

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st

bottom of page