top of page
Cerca
  • Libereria

I FIGLI DI NESSUNO di Michela Gallo

Dimenticati, abbandonati,

lasciati lì in fondo al tunnel 

dove luce non c'è più

in quel baratro di emozioni dimenticate, soffocate,

nascoste lì in mezzo alla folla


due occhioni azzurri mi guardano impauriti...

allungo la mano per accarezzarle il viso

e all'improvviso sparisce


io spaventata da ciò che è successo

esco sbattendo la porta

cercando di dimenticare i figli di nessuno

14 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st

bottom of page