Cerca
  • Libereria

I FIGLI DI NESSUNO di Michela Gallo

Dimenticati, abbandonati,

lasciati lì in fondo al tunnel 

dove luce non c'è più

in quel baratro di emozioni dimenticate, soffocate,

nascoste lì in mezzo alla folla


due occhioni azzurri mi guardano impauriti...

allungo la mano per accarezzarle il viso

e all'improvviso sparisce


io spaventata da ciò che è successo

esco sbattendo la porta

cercando di dimenticare i figli di nessuno

13 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof