Cerca
  • Libereria

I TUOI OCCHI di Sandra Iai

Se cerco la divinità

la trovo in quel modo

che ha ogni bimbo

di sollevare il mento

mentre fa una domanda

alla persona alta

che lo tiene per mano


Le domande dei bimbi

sono sacre

non si dovrebbe mai

eluderne una


Loro sollevano il mento

fiduciosi di ricevere verità

poi lo abbassano un poco

per rifletterci su

e nel frattempo si poggiano

con la pancia

sulla pensilina del tram

lasciando ondeggiare i piedi

per aiutare i pensieri

a volare più in alto


Troppo spesso

non ho risposto alle tue

perché ero troppo occupata

a tirarti via dalla strada

che sta arrivando un'auto

o a correre a scuola

che è tardi


Un giorno mi hai guardato

proprio così

sollevando il tuo piccolo faccino

con quegli occhi che a guardarli

sembra di fare un tuffo nel mare

quel giorno mi hai detto

che ero la mamma più bella

per un po' ho camminato

sopra una stella

30 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof