Cerca
  • Libereria

IL MARE DI SETTEMBRE di Marta Bandi

Scivola via l'estate

Fra le ali di un gabbiano

Il cui volo

Abbraccia cirri

Che avanzano.

Scivola via

Sulle gocce di sudore

Che hanno bagnato le ore

Lente

E sugli sguardi persi

Tra le stelle.

Si rinnovano

Le promettenti attese

Nuove, continue, sempre uguali

Nel loro succedersi.

Nel guazzabuglio della risacca

Immergo le mie malinconie

E l'orecchio,

Teso all'ascolto di me stessa,

Per un attimo

Ascolta solo il mare

La sua perenne forza

La sua totalizzante pienezza,

Che non sa bluffare

E scivolo via

Anch'io

Sulle onde

Leggera.

28 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st