Cerca
  • Libereria

IL MARE DI SETTEMBRE di Marta Bandi

Scivola via l'estate

Fra le ali di un gabbiano

Il cui volo

Abbraccia cirri

Che avanzano.

Scivola via

Sulle gocce di sudore

Che hanno bagnato le ore

Lente

E sugli sguardi persi

Tra le stelle.

Si rinnovano

Le promettenti attese

Nuove, continue, sempre uguali

Nel loro succedersi.

Nel guazzabuglio della risacca

Immergo le mie malinconie

E l'orecchio,

Teso all'ascolto di me stessa,

Per un attimo

Ascolta solo il mare

La sua perenne forza

La sua totalizzante pienezza,

Che non sa bluffare

E scivolo via

Anch'io

Sulle onde

Leggera.

26 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof