Cerca
  • Libereria

IL MIO PASSO LIEVE di Majlinda Petraj

All'angolo del divano

stringendo 'me',

teniamo lunghe conversazioni.

Com'era la mia vita

prima che fosse davvero mia.

Perché non mi trovavo

e cercandomi

m'ero persa di nuovo.

Da poco

la mia interezza

m'ha colpito così forte

da diventare frammentata.

Lo spazio assaporando la mia essenza

fece posto al mio nuovo esistere.

Mi resi conto di brillare

ebbi timore di bruciare superfici

dove poggiavo mani

dove sfioravo volti.

Trattenni dentro l'eterno

mischiandomi con la folla

sentendo la gravità

evitando la collisione.

Leggero il mio passar fra tanti

non essendo nessuna

ma unica,

come una foglia irripetibile.

16 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof