Cerca
  • Libereria

IL SEGNO DELLA TUA PRESENZA di Luigi Costantino

Ancora una volta un pensiero mi sfiora... in alto, tra le nuvole una carezza mi raggiunge. Ogni momento di pace

è il segno della tua presenza. Questo tuo parlare è muto ma non importa:

interi discorsi posso ascoltare con le orecchie dell'anima. Posso vedere i tuoi occhi:

cambiano forma ogni giorno. Mi sento osservato da un fiore

o dai colori di un tramonto:

sei sempre tu che mi guardi. Tu sei l'esempio costante, la quotidiana dimostrazione di una bellezza che non accenna a svanire.

43 visualizzazioni1 commento

Post recenti

Mostra tutti

SCRIVO PERCHÉ… di Mariateresa Scionti

Scrivo perché mi pesa il cuore, perché le parole, a volte, martellano così forte da farsi strada prepotentemente e gettarsi sulla carta. Scrivo perché è l'unico modo che ho per stringerti e respirarti

NVS219 di Alessandro Mazzà

Il mio destinatario passeggero eterno offre l’ascoltatore che ha in sé Così queste parole e non queste nascevano per farsi dire Sono finte pagine ma le pagine prenderanno un tradimento in affidamento

LOTTA di Sandra Iai

Quell'onda impetuosa che a volte mi afferra mi trascina in angoli inesplorati della mia mente Malata è la comunicazione parole distorte di ingiustificata superbia arrivano al mio orecchio Annaspo e lo