Cerca
  • Libereria

IL SIGNORE DELLE ABITUDINI di Valentino Picchi Hechìzo

Strane abitudini

avevi tu:

schiantarti sempre sullo stesso muro,

a capire poi che nella crepa mi

stavi lasciando un cuore indomito per continuare.

Strane abitudini

avevi tu:

scavare sempre nello stesso vuoto

a sapere poi che nella fossa mi

stavi lasciando un fuoco sacro da

perpetuare.

Belle abitudini

avevi tu

curare sempre quello stesso albero,

a comprendere poi che tra le radici mi

stavi lasciando un credo infallibile da

ostentare.

Una cosa senza nome,

instancabile, perpetua, ostinata:

quell' abitudine severa e felice,

il rito del valore ai

piedi di quel muro,

di quel vuoto,

di quell'albero

che adesso ho di fronte

come gli spiriti destati di tre soldati in uno,

per il mio ingresso nella tua stessa guerra.

21 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

IL CERCHIO di Gianluca Sonnessa

I vicoli stretti nell'abbraccio delle case in pietra, il suono dei nostri passi, un bacio autunnale. Ai piedi del lampione il cappello del sassofonista con qualche moneta. Perdermi e ritrovarti, nel m

LACRIME DAL CIELO di Sandra Iai

Una suola di cuoio batte ritmicamente sull'asfalto bagnato nella notte della città Il fascio di luce dei fari di una vecchia utilitaria illumina le goccioline sollevate dall'impatto Seduta sul gradino

NVS251 di Alessandro Mazzà

Il peso dei sogni mi sveglia Meravigliatevi basta torniamo alla scena Eccomi sono ancora uno spiantato felice e generoso moribondo trovo il tempo di scrivere qualcosa che sembra per voi C’è stato un i