top of page
Cerca
  • Libereria

IL SIGNORE DELLE ABITUDINI di Valentino Picchi Hechìzo

Strane abitudini

avevi tu:

schiantarti sempre sullo stesso muro,

a capire poi che nella crepa mi

stavi lasciando un cuore indomito per continuare.

Strane abitudini

avevi tu:

scavare sempre nello stesso vuoto

a sapere poi che nella fossa mi

stavi lasciando un fuoco sacro da

perpetuare.

Belle abitudini

avevi tu

curare sempre quello stesso albero,

a comprendere poi che tra le radici mi

stavi lasciando un credo infallibile da

ostentare.

Una cosa senza nome,

instancabile, perpetua, ostinata:

quell' abitudine severa e felice,

il rito del valore ai

piedi di quel muro,

di quel vuoto,

di quell'albero

che adesso ho di fronte

come gli spiriti destati di tre soldati in uno,

per il mio ingresso nella tua stessa guerra.

23 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st

bottom of page