Cerca
  • Libereria

IL TEMPO di Lorena Giardino

Passano i giorni, i mesi, ed anche gli anni,

Il calendario evapora, diventa evanescente

E l'orologio incespica singhiozza e poi si ferma

Tra mille assenze e pallide incoerenze.

E lì si resta, immobili

Collezionando attese

Rigurgitando sogni e tiepide speranze.

E sopraggiunge l'alba, e con essa un nuovo giorno

Gli occhi il viandante apre

Svegliandosi dal sonno

E indietro sul cammino lui pensa di tornare

A raccogliere i suoi passi

Provando a ricominciare.

E mentre rincorre se stesso

Volendosi afferrare

Il tempo segna il passo

E l'orologio corre, continua a ticchettare.

Passano i mesi, i giorni ed anche gli anni

Il tempo va vissuto nel bene e anche nel male

Perché quando ti fermi e indietro vuoi guardare

Nel cuor brucia il rimpianto

Ma indietro non puoi tornare.

16 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

NVS164 di Alessandro Mazzà

I poeti che invecchiano hanno una lunga stagione finale Hanno capito finalmente tutto della vita ammettono anche me al loro circolo dove continuo a non salutare nessuno Fuori c'è il mondo di fuori al

RIPOSO di Sandra Iai

Lascia andare per quanto ti sforzi per quanto tenti di serrare le dita l'acqua scorre e riuscirà a passare Lascia perdere i tuoi pensieri ti torturano la rabbia per le ingiustizie ti impedisce un sonn

© 2017 Libereria