Cerca
  • Libereria

IL TEMPO di Lorena Giardino

Passano i giorni, i mesi, ed anche gli anni,

Il calendario evapora, diventa evanescente

E l'orologio incespica singhiozza e poi si ferma

Tra mille assenze e pallide incoerenze.

E lì si resta, immobili

Collezionando attese

Rigurgitando sogni e tiepide speranze.

E sopraggiunge l'alba, e con essa un nuovo giorno

Gli occhi il viandante apre

Svegliandosi dal sonno

E indietro sul cammino lui pensa di tornare

A raccogliere i suoi passi

Provando a ricominciare.

E mentre rincorre se stesso

Volendosi afferrare

Il tempo segna il passo

E l'orologio corre, continua a ticchettare.

Passano i mesi, i giorni ed anche gli anni

Il tempo va vissuto nel bene e anche nel male

Perché quando ti fermi e indietro vuoi guardare

Nel cuor brucia il rimpianto

Ma indietro non puoi tornare.

16 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

POESIA DI LATO di Stefania Rossi

Non lo so... So cosa non può essere Non sono io Non è l'alba Non è nemmeno nelle foglie d'autunno Non è il viso carico di mia madre Non è nelle cose che non ho Non è un bambino che gioca alla guerra N

NVS181 di Alessandro Mazzà

Chi vede scrive e consuma chi ha visto ha negato ogni altra vista futura come di cosa detta verità trovata intoccabile come di spiaggia dataci senza orme perché cambiasse

PACE di Sandra iai

Non c'è modo di parlare di morte se non da vivi non posso parlare di vita se non da morta quanta pace occorre per poter parlare ma è solo quando mi trovo all'inferno che riesco veramente a scrivere

© 2017 Libereria