Cerca
  • Libereria

IL VENTO, DENTRO di Majlinda Petraj

Echeggiano prepotenti

gli accordi del tuo silenzio.

Quando urla e quando tace.

Quando nel mentre sussurra. 

E dopo si lamenta.

Per questo

non mi sento vuota 

ad ascoltare il nulla, 

per me è già sinfonia.

Ho l'orecchio appoggiato

sul tuo petto

il tuo respiro ventoso

mi spinge negli angoli di me, 

mi aggrappo a rami di speranza

e il burrone sotto i piedi

divora ciò che sogno.

Riemergo.

Diversa.

Sempre Io.

Non potendoti disfare di me

mi regali

un Silenzio che arpeggia 

tra i miei pensieri. 

Sei in me

come quel ritornello estivo

che anche con la radio spenta

lo senti ovunque 

dentro. 

40 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st