Cerca
  • Libereria

IL VENTO, DENTRO di Majlinda Petraj

Echeggiano prepotenti

gli accordi del tuo silenzio.

Quando urla e quando tace.

Quando nel mentre sussurra. 

E dopo si lamenta.

Per questo

non mi sento vuota 

ad ascoltare il nulla, 

per me è già sinfonia.

Ho l'orecchio appoggiato

sul tuo petto

il tuo respiro ventoso

mi spinge negli angoli di me, 

mi aggrappo a rami di speranza

e il burrone sotto i piedi

divora ciò che sogno.

Riemergo.

Diversa.

Sempre Io.

Non potendoti disfare di me

mi regali

un Silenzio che arpeggia 

tra i miei pensieri. 

Sei in me

come quel ritornello estivo

che anche con la radio spenta

lo senti ovunque 

dentro. 

39 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof