top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreLibereria

IL VUOTO CHE C'È IN ME di Alessandra Muzzini

In questi giorni ho capito meglio qualcosa di me.

Ad esempio, perché normalmente non mi fermo mai.

Sempre sopra le mie forze,

oltre le mie energie.

Sempre pronta ad

ascoltare tutti,

accontentare tutti,

fare,

andare,

scendere,

salire,

portare,

prendere...

E sorridere,

sorridere sempre!

Magari gli occhi piovono emozioni,

ma il sorriso non può mancare mai.

Ecco, non posso permettermi pause.

Sì perché, quando accade, come forzatamente in questo momento,

vengo sopraffatta dalla tristezza e dalla malinconia.

Non che normalmente non pensi o rifletta,

quello lo faccio sempre,

ma l’azione e il movimento mi portano a

contenere questa voragine senza fine che racchiudo e contengo.

Ecco a cosa devo stare attenta:

a non essere inghiottita.

Da me.

3 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st

bottom of page