Cerca
  • Libereria

IL VUOTO CHE C'È IN ME di Alessandra Muzzini

In questi giorni ho capito meglio qualcosa di me.

Ad esempio, perché normalmente non mi fermo mai.

Sempre sopra le mie forze,

oltre le mie energie.

Sempre pronta ad

ascoltare tutti,

accontentare tutti,

fare,

andare,

scendere,

salire,

portare,

prendere...

E sorridere,

sorridere sempre!

Magari gli occhi piovono emozioni,

ma il sorriso non può mancare mai.

Ecco, non posso permettermi pause.

Sì perché, quando accade, come forzatamente in questo momento,

vengo sopraffatta dalla tristezza e dalla malinconia.

Non che normalmente non pensi o rifletta,

quello lo faccio sempre,

ma l’azione e il movimento mi portano a

contenere questa voragine senza fine che racchiudo e contengo.

Ecco a cosa devo stare attenta:

a non essere inghiottita.

Da me.

1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

LA MORTE DEL SIPARIO di Gianluca Sonnessa

Sono stato sull'orlo del burrone. Per diventare l'orlo, il burrone, la caduta, l'ultima onda sotto l'ultimo cielo dell'ultimo mio attimo di morte. Sono stato l'amore. Per diventare il suo sangue, la s

NVS208 di Alessandro Mazzà

Cosa scrivo? Il poema dell’inesistenza dello spazio e del tempo e del loro fare un bel male Tutto intero il libro del mondo nel piccolo mio capitolo del libro del mondo Che sono un uomo che vuol dire

IL GESTO DELL'ABBRACCIO di Sandra Iai

Il libro fa il gesto dell'abbraccio prendendo i tuoi pensieri li custodisce nel segreto delle sue pagine chi vorrà muovere i suoi passi chi si soffermerà al suo interno avrà preso la decisione di entr