Cerca
  • Libereria

INCHIOSTRO di Noemi Agostino

Sei tu

che cingi il ciel

di rubino al vespro.

‘Sì come madre

con occhio

tra il rosso e il bianco

m’entri dentro,

mi leggi con pupilla nera

e mi colori

d’azzur l’amore

e il moto interiore

prima della più scura

vetusta sera.

Di calamo è la tu’ puntura

al cor,

a volte mesta, a volte fiera

che mutua

questo dolor

nel momento stesso

che la mia mano corre muta,

e il foglio di cruda emozion

s’impressa.

Dorme sordo

sotto coperta

di virgole e punti

tra le parole,

lontan dalla greve interna ressa.

35 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin