Cerca
  • Libereria

INCHIOSTRO di Noemi Agostino

Sei tu

che cingi il ciel

di rubino al vespro.

‘Sì come madre

con occhio

tra il rosso e il bianco

m’entri dentro,

mi leggi con pupilla nera

e mi colori

d’azzur l’amore

e il moto interiore

prima della più scura

vetusta sera.

Di calamo è la tu’ puntura

al cor,

a volte mesta, a volte fiera

che mutua

questo dolor

nel momento stesso

che la mia mano corre muta,

e il foglio di cruda emozion

s’impressa.

Dorme sordo

sotto coperta

di virgole e punti

tra le parole,

lontan dalla greve interna ressa.

39 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

IL CERCHIO di Gianluca Sonnessa

I vicoli stretti nell'abbraccio delle case in pietra, il suono dei nostri passi, un bacio autunnale. Ai piedi del lampione il cappello del sassofonista con qualche moneta. Perdermi e ritrovarti, nel m

LACRIME DAL CIELO di Sandra Iai

Una suola di cuoio batte ritmicamente sull'asfalto bagnato nella notte della città Il fascio di luce dei fari di una vecchia utilitaria illumina le goccioline sollevate dall'impatto Seduta sul gradino

NVS251 di Alessandro Mazzà

Il peso dei sogni mi sveglia Meravigliatevi basta torniamo alla scena Eccomi sono ancora uno spiantato felice e generoso moribondo trovo il tempo di scrivere qualcosa che sembra per voi C’è stato un i