Cerca
  • Libereria

INCHIOSTRO di Noemi Agostino

Sei tu

che cingi il ciel

di rubino al vespro.

‘Sì come madre

con occhio

tra il rosso e il bianco

m’entri dentro,

mi leggi con pupilla nera

e mi colori

d’azzur l’amore

e il moto interiore

prima della più scura

vetusta sera.

Di calamo è la tu’ puntura

al cor,

a volte mesta, a volte fiera

che mutua

questo dolor

nel momento stesso

che la mia mano corre muta,

e il foglio di cruda emozion

s’impressa.

Dorme sordo

sotto coperta

di virgole e punti

tra le parole,

lontan dalla greve interna ressa.

38 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

NVS229 di Alessandro Mazzà

Perché ho in testa una canzone? Non è veramente nella mia testa mi sta dicendo cos’è una testa Cos’è una canzone? È la figlia e la madre della musica e non è una risposta e non è una risposta questa O

SENZA TITOLO di Jans Illusion

Nel mio mondo ormai artefatto Lei non appare mai e si naviga nel tormento.

IL VOLO DEI GABBIANI di Sandra Iai

Strappami dalle grinfie del mondo il volo dei gabbiani dice che hai la forza per farlo Solleva quest'involucro dalla cera che cola da questa pozza di sangue creata dal pensiero Afferra i miei polsi e