Cerca
  • Libereria

INCONTRO di Rossana Pagano

Sento i tuoi passi da lontano,

cadenzati come rotaie

frettolose.

Sento tintinnare campanelli,

pronti ad aprire usci

d’amore.

La tua voce mi riempie il petto,

sorseggio suoni

fresche risate

parole precoci

desideri espressi.

La mia mente è

uno spazio vuoto,

in cui entra solo

il tuo profumo.

Gli umori si confondono

attraverso la pelle,

il mondo è chiuso fuori

se anche stesse finendo

non ce ne accorgeremmo.

Io sono tuo territorio

spazio da esplorare,

tu sei lupo

che segue l’istinto,

insieme siamo

battuta e bosco,

fuga e rincorsa

preda e cibo.

Preda e cacciatrice io,

scaglio frecce e mi ferisco,

tu selvatico e attento

cogli segnali e li rimandi.

Adesso che il mondo

è davvero finito

siamo rimasti soli,

il pelo del lupo è ispido,

la mia geografia intatta

            fino alla prossima volta.

40 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

POESIA DI LATO di Stefania Rossi

Non lo so... So cosa non può essere Non sono io Non è l'alba Non è nemmeno nelle foglie d'autunno Non è il viso carico di mia madre Non è nelle cose che non ho Non è un bambino che gioca alla guerra N

NVS181 di Alessandro Mazzà

Chi vede scrive e consuma chi ha visto ha negato ogni altra vista futura come di cosa detta verità trovata intoccabile come di spiaggia dataci senza orme perché cambiasse

PACE di Sandra iai

Non c'è modo di parlare di morte se non da vivi non posso parlare di vita se non da morta quanta pace occorre per poter parlare ma è solo quando mi trovo all'inferno che riesco veramente a scrivere

© 2017 Libereria