Cerca
  • Libereria

INCONTRO di Rossana Pagano

Sento i tuoi passi da lontano,

cadenzati come rotaie

frettolose.

Sento tintinnare campanelli,

pronti ad aprire usci

d’amore.

La tua voce mi riempie il petto,

sorseggio suoni

fresche risate

parole precoci

desideri espressi.

La mia mente è

uno spazio vuoto,

in cui entra solo

il tuo profumo.

Gli umori si confondono

attraverso la pelle,

il mondo è chiuso fuori

se anche stesse finendo

non ce ne accorgeremmo.

Io sono tuo territorio

spazio da esplorare,

tu sei lupo

che segue l’istinto,

insieme siamo

battuta e bosco,

fuga e rincorsa

preda e cibo.

Preda e cacciatrice io,

scaglio frecce e mi ferisco,

tu selvatico e attento

cogli segnali e li rimandi.

Adesso che il mondo

è davvero finito

siamo rimasti soli,

il pelo del lupo è ispido,

la mia geografia intatta

            fino alla prossima volta.

42 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

LA MORTE DEL SIPARIO di Gianluca Sonnessa

Sono stato sull'orlo del burrone. Per diventare l'orlo, il burrone, la caduta, l'ultima onda sotto l'ultimo cielo dell'ultimo mio attimo di morte. Sono stato l'amore. Per diventare il suo sangue, la s

NVS208 di Alessandro Mazzà

Cosa scrivo? Il poema dell’inesistenza dello spazio e del tempo e del loro fare un bel male Tutto intero il libro del mondo nel piccolo mio capitolo del libro del mondo Che sono un uomo che vuol dire

IL GESTO DELL'ABBRACCIO di Sandra Iai

Il libro fa il gesto dell'abbraccio prendendo i tuoi pensieri li custodisce nel segreto delle sue pagine chi vorrà muovere i suoi passi chi si soffermerà al suo interno avrà preso la decisione di entr