Cerca
  • Libereria

L'ATTESA di Alessandra Muzzini

Sono conosciuta per la mia grande pazienza.

È un vestito che ormai mi calza a pennello e sembra starmi anche molto bene.

Ma in fondo questa qualità mi sta un po’ stretta.

E tutte le volte che la perdo è un dramma!

Allora frasi come “Non sembri neanche tu!”, “Non ti riconosco”, “Sei cambiata!” sono tipiche e così fastidiose da farmi fare un bel respiro e ricompormi velocemente.

Ho imparato così a tenermi tutto dentro.

Un bel sorriso e una calma quasi angelica spesso nascondono tormenti e angosce per le quali non saprei neanche che colori utilizzare...

Piccola mia è proprio quello che sta accadendo ora, mentre stai affrontando una delle prime delle tante prove e difficoltà che la vita ti farà incontrare.

E l’attesa è veramente logorante e snervante.

Quanti pensieri e conclusioni che poggiano solo su ipotesi e idee...

Ed è qui che torna in gioco il mio bel vestito sempre pulito e ben stirato, pronto all’uso.

Se dovessi sceglierne il colore credo sarebbe blu, anzi azzurro come il cielo che ci ricorda di non perdere mai la speranza.

Ed è con questo bel vestito che aspetto paziente il tuo ritorno con il cuore colmo di amore e tenerezza.

3 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SCRIVO PERCHÉ… di Mariateresa Scionti

Scrivo perché mi pesa il cuore, perché le parole, a volte, martellano così forte da farsi strada prepotentemente e gettarsi sulla carta. Scrivo perché è l'unico modo che ho per stringerti e respirarti

NVS219 di Alessandro Mazzà

Il mio destinatario passeggero eterno offre l’ascoltatore che ha in sé Così queste parole e non queste nascevano per farsi dire Sono finte pagine ma le pagine prenderanno un tradimento in affidamento

LOTTA di Sandra Iai

Quell'onda impetuosa che a volte mi afferra mi trascina in angoli inesplorati della mia mente Malata è la comunicazione parole distorte di ingiustificata superbia arrivano al mio orecchio Annaspo e lo