Cerca
  • Libereria

L'ATTESA di Alessandra Muzzini

Sono conosciuta per la mia grande pazienza.

È un vestito che ormai mi calza a pennello e sembra starmi anche molto bene.

Ma in fondo questa qualità mi sta un po’ stretta.

E tutte le volte che la perdo è un dramma!

Allora frasi come “Non sembri neanche tu!”, “Non ti riconosco”, “Sei cambiata!” sono tipiche e così fastidiose da farmi fare un bel respiro e ricompormi velocemente.

Ho imparato così a tenermi tutto dentro.

Un bel sorriso e una calma quasi angelica spesso nascondono tormenti e angosce per le quali non saprei neanche che colori utilizzare...

Piccola mia è proprio quello che sta accadendo ora, mentre stai affrontando una delle prime delle tante prove e difficoltà che la vita ti farà incontrare.

E l’attesa è veramente logorante e snervante.

Quanti pensieri e conclusioni che poggiano solo su ipotesi e idee...

Ed è qui che torna in gioco il mio bel vestito sempre pulito e ben stirato, pronto all’uso.

Se dovessi sceglierne il colore credo sarebbe blu, anzi azzurro come il cielo che ci ricorda di non perdere mai la speranza.

Ed è con questo bel vestito che aspetto paziente il tuo ritorno con il cuore colmo di amore e tenerezza.

2 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

POESIA DI LATO di Stefania Rossi

Non lo so... So cosa non può essere Non sono io Non è l'alba Non è nemmeno nelle foglie d'autunno Non è il viso carico di mia madre Non è nelle cose che non ho Non è un bambino che gioca alla guerra N

NVS181 di Alessandro Mazzà

Chi vede scrive e consuma chi ha visto ha negato ogni altra vista futura come di cosa detta verità trovata intoccabile come di spiaggia dataci senza orme perché cambiasse

PACE di Sandra iai

Non c'è modo di parlare di morte se non da vivi non posso parlare di vita se non da morta quanta pace occorre per poter parlare ma è solo quando mi trovo all'inferno che riesco veramente a scrivere

© 2017 Libereria