Cerca
  • Libereria

L'IMMENSO NEI PALMI DELLE MANI di Majlinda Petraj

Questo mondo è una conchiglia grande;

l'umanità è uscita da tempo

lasciando un caotico vuoto.

Vorrei chiudere la vita in una valigia

per avere piedi veloci

a viaggiare dove non ci sono ancora impronte.

Potrei fare a meno di tutto

tranne della mia anima.

Mille particelle

staccate dalle screpolature dell'esistenza

orbitano in cerca di punti esclamativi.

È dove ci affermiamo

che si registra una nuova nascita.

Non vorrei stancare i pensieri

a mantenere l'equilibrio

sul filo teso della ragione;

vorrei concedergli il volo della follia,

sul precipizio delle paure

improvvisare una danza.

Non so spiegarvi diversamente

la fame di vita,

la sete di sogni,

il bisogno d'immenso.

32 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st