Cerca
  • Libereria

L'IMMENSO NEI PALMI DELLE MANI di Majlinda Petraj

Questo mondo è una conchiglia grande;

l'umanità è uscita da tempo

lasciando un caotico vuoto.

Vorrei chiudere la vita in una valigia

per avere piedi veloci

a viaggiare dove non ci sono ancora impronte.

Potrei fare a meno di tutto

tranne della mia anima.

Mille particelle

staccate dalle screpolature dell'esistenza

orbitano in cerca di punti esclamativi.

È dove ci affermiamo

che si registra una nuova nascita.

Non vorrei stancare i pensieri

a mantenere l'equilibrio

sul filo teso della ragione;

vorrei concedergli il volo della follia,

sul precipizio delle paure

improvvisare una danza.

Non so spiegarvi diversamente

la fame di vita,

la sete di sogni,

il bisogno d'immenso.

30 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof