Cerca
  • Libereria

L'ULTIMA NOTTE SULLA TERRA di Marco Zanni

Podcast illeciti radio fantasma l'ingresso eccentrico morti che camminano la notte è troppo notte nella metropoli cadente

Non fare nulla non dire nulla che possa rompere il silenzio come se fosse l'ultima notte sulla terra

I tuoi tacchi che raschiano sulle grate del centro le galeries Lafayette le guance che mi bruciano l'Osvaldo e la barba appena fatta

La tua gonna che si accorcia quanto mi attizzano le tue gambe come il confine con il girone di ferro il mio taglio è da vent'anni lo stesso

Ci facevamo leggere il destino nei fondi di caffè la zingara sotto il ponte del Ticino in secca vecchie Alfa blu notte Milano rovente

Bamblaniamo e tiriamo tardi sotto la luna di Pigalle le Chat Noir ci portiamo via una birra scura e un mojito Camel Light come se piovesse

Ci raccontiamo storie qualche novità ricordi stupidi canzoni al festival di Sanremo ti fermi mi abbracci sai di menta e lime io di Guinness

Finalmente abbiamo smesso di spezzarci il cuore perdere la pazienza per gioco e fare la pace sotto le lenzuola il sabato sera

Savoir vivre Parigi e panchine traballanti dove baciarci mangiare gelati alla fragola strusciarci guardare la Banlieue passarci davanti come un videoclip Kiss Me

Sixpence none the richer foglie d'oro nelle crepe dell'asfalto spaccato da alberi vecchi come fantasmi di sabbia

Giochi con le dita mi accarezzi una cicatrice sulla mano destra che non si chiuderà mai i tuoi polpastrelli lisci sono il caffè nero la domenica mattina

I tuoi capelli la magnolia sul piazzale della chiesa i tuoi occhi il mio quartiere eravamo piccoli teppisti invincibili battevamo strade di periferia scommesse a perdere

Le carte aperte sulla cassa dell'emporio la tipa bionda passava il tempo a fare giochi di prestigio mi strizzava l'occhiolino tu le avresti dato fuoco

Ricordi come un treno regionale straccioni addormentati ubriaconi a litigare con gli specchi lancia un dollaro per aria testa o croce

La carovana del circo ci copre di coriandoli mi diverto a togliere quelli incastrati nei tuoi capelli mi piace il suono del tuo nome la mia voce stanca

Sorridi fissi un punto dietro le mie spalle come se volessi piantarmi in asso ci infiliamo nell'ingresso di un vecchio albergo

La reception deserta buonasera signorina posso aiutarla chiamo l'orchestrina improvvisiamo due giri di valzer

Cerchiamo la suite più bella il frigobar pieno chiameremo casa questa terra scura io e te, il vento ancora freddo, io e te, il Mi basso del fender nero,

Silenzi siderali, jazz, rum, ci daremo appuntamento sotto il solito lampione all'incrocio dietro casa tua

I taxi in coda tu che non porti il reggiseno, una voglia da sbranarci.

Parigi, che spreco, se non avesse la notte.

34 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SUL PRATO DELLA GIOIA di Sandra Iai

Quando inclinando il capo mi sorridi e mi scruti con i ruscelli agli angoli degli occhi la mia vita si inonda di luce Sei il colore dei miei giorni la rugiada sui miei petali le ali dei miei pensieri

NUMERI di Alessandro Mazzà

Ena questo (noi prima e pronti) Dva incontro di questo e di questo (noi eravamo qui) Tri nascita del plurale dal duale (noi abbiamo creato e fuso e moltiplicato) Katvar costruzione del quadrato (noi a

STAGIONI di Alessandra Bloise Diana

Nel bisbiglio del sole, lì, seduto, guardando la vita giocare, a domandarsi dove sia andato tutto il resto di essa. Intuizione di fertilità e di esistenza che si trasmette nella normalità della contin