Cerca
  • Libereria

LA CIVILTÀ DEL RITMO di Valentino Picchi

La civiltà del ritmo

danza sulle punte

il ballo dell'immobilità.

Spirale desiderio

insolito

insoluto

indebito

l'odor di nebbia

morale dubbia

precipitando cresce.

Lei è canto del ferro

ancora,

io fabbro della sua passione:

cadenza onirica

dettata dalla veglia.

Civiltà del ritmo:

i treni non passano più,

vapore estinto

l'acqua ai deserti

alla mia sete il deserto,

avanzo fermo

fermo avanzo,

sono ritmo senza civiltà.

12 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof