Cerca
  • Libereria

LA CORTECCIA di Rossana Pagano

Cambia la pelle,

fai la muta

come un serpente

abbandoni la vecchia

identità.

Paura e dolore

amiche indistinte,

ma è solo finzione

non è vero dolore.

Il tempo passato

è bello che andato,

il tempo presente

è quello che serve

hic et nunc

è un motto latino.

Ci avvolge una corteccia,

scorza dura

o pelle molle.

Siamo dentro

un involucro

ci protegge,

ci difende e

ci separa.

Ma c’è un tempo

in cui è matura,

è matura la caduta,

quando il frutto interno

è gonfio,

rompe e spacca la corteccia

che diventa stretta

e dura

e impedisce il mutamento.

C’è un attimo opportuno,

un momento ormai maturo

in cui è lecito

e dovuto

tirare via la crosta,

come quando

da bambino

eri lieto ed orgoglioso

di veder far capolino

la pelle nuova e liscia

sotto il grumo raggrinzito.

Il momento già è arrivato,

il ciclo ormai è concluso,

non serve più la crosta,

se sotto la pelle è giusta.

La paura ci accompagna,

accompagna il cambiamento,

ma come un sughero multiforme

la variazione è una ricchezza,

e poi c’è il contadino

che sa quando tagliare,

apre a libro la corteccia

per poterla utilizzare.

Ad ogni metamorfosi

rompiamo la buccia esterna,

facendo attenzione

ai segnali non convenzionali,

come il gatto

che, burlone,

manda a Alice dei segnali

che la aiutano

talvolta

con dei modi

un poco strani.

Il serpente cambia pelle

e la lascia sul selciato,

l’albero rompe

la corteccia,

per crescere più forte.

E l’uomo?

L’uomo rompe la corazza

e non teme il mutamento

perché sa che la sua forza

è accettare il cambiamento.

82 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

IL CERCHIO di Gianluca Sonnessa

I vicoli stretti nell'abbraccio delle case in pietra, il suono dei nostri passi, un bacio autunnale. Ai piedi del lampione il cappello del sassofonista con qualche moneta. Perdermi e ritrovarti, nel m

LACRIME DAL CIELO di Sandra Iai

Una suola di cuoio batte ritmicamente sull'asfalto bagnato nella notte della città Il fascio di luce dei fari di una vecchia utilitaria illumina le goccioline sollevate dall'impatto Seduta sul gradino

NVS251 di Alessandro Mazzà

Il peso dei sogni mi sveglia Meravigliatevi basta torniamo alla scena Eccomi sono ancora uno spiantato felice e generoso moribondo trovo il tempo di scrivere qualcosa che sembra per voi C’è stato un i