top of page
Cerca
  • Libereria

LA DITTATURA DEL DOLORE di Luigi Costantino

Che futilità essere contenti.

Lo spessore, il valore, le perle dell’anima

si manifestano nella sofferenza.

Ma non si può sempre soffrire.

Bisogna avere il coraggio di essere allegri.

L’allegria è profondità.

Conoscere la vita e concedersi una risata

è per i cuori forti.

Significa aver superato mille prove,

i peggiori dolori, brandelli di delusione,

e nonostante questo,

sentire una vocina interiore

che con ostinazione continua a dire:

posso sorridere, sdraiarmi sereno,

il presente non può uccidermi.

Io mi oppongo

alla dittatura del dolore:

prendo un guaio,

lo metto a riposare in un angolo,

ma non prima di averne tirato fuori

la lezione.

28 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st

bottom of page