Cerca
  • Libereria

LA FORMA DEL DOLORE di Isa D'Angelo

Non servono parole

per raccontarmi la tua sofferenza


Il tuo sguardo parla

I tuoi occhi, il tuo volto, le tue mani dicono:

"sto male".

È un fiume questa pena:

l'impeto delle acque irrompe

e sommerge le barriere.

Non lasciare

che abbandoni il suo letto,

argina questa furia.

Solo tu puoi farlo.


Dai una forma al dolore,

circondalo con uno steccato,

privalo dell'infinito,

permettigli di occupare

solo uno spazio definito.

Il dolore senza forma soffoca,

è un gas che si espande,

si insinua in ogni piccola fessura,

non lascia posto ad altro.

Non puoi eliminarlo

accoglilo

ma confinalo.

Quella porta di tanto in tanto si riaprirà

e tu ne varcherai la soglia

consapevole

che ci sono altri spazi da abitare.


Il dolore non è l'unica stanza del cuore.

36 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

IL CERCHIO di Gianluca Sonnessa

I vicoli stretti nell'abbraccio delle case in pietra, il suono dei nostri passi, un bacio autunnale. Ai piedi del lampione il cappello del sassofonista con qualche moneta. Perdermi e ritrovarti, nel m

LACRIME DAL CIELO di Sandra Iai

Una suola di cuoio batte ritmicamente sull'asfalto bagnato nella notte della città Il fascio di luce dei fari di una vecchia utilitaria illumina le goccioline sollevate dall'impatto Seduta sul gradino

NVS251 di Alessandro Mazzà

Il peso dei sogni mi sveglia Meravigliatevi basta torniamo alla scena Eccomi sono ancora uno spiantato felice e generoso moribondo trovo il tempo di scrivere qualcosa che sembra per voi C’è stato un i