top of page
Cerca
  • Libereria

LA FORMA DEL DOLORE di Isa D'Angelo

Non servono parole

per raccontarmi la tua sofferenza


Il tuo sguardo parla

I tuoi occhi, il tuo volto, le tue mani dicono:

"sto male".

È un fiume questa pena:

l'impeto delle acque irrompe

e sommerge le barriere.

Non lasciare

che abbandoni il suo letto,

argina questa furia.

Solo tu puoi farlo.


Dai una forma al dolore,

circondalo con uno steccato,

privalo dell'infinito,

permettigli di occupare

solo uno spazio definito.

Il dolore senza forma soffoca,

è un gas che si espande,

si insinua in ogni piccola fessura,

non lascia posto ad altro.

Non puoi eliminarlo

accoglilo

ma confinalo.

Quella porta di tanto in tanto si riaprirà

e tu ne varcherai la soglia

consapevole

che ci sono altri spazi da abitare.


Il dolore non è l'unica stanza del cuore.

38 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st

bottom of page