Cerca
  • Libereria

LA FORMA DEL DOLORE di Isa D'Angelo

Non servono parole

per raccontarmi la tua sofferenza


Il tuo sguardo parla

I tuoi occhi, il tuo volto, le tue mani dicono:

"sto male".

È un fiume questa pena:

l'impeto delle acque irrompe

e sommerge le barriere.

Non lasciare

che abbandoni il suo letto,

argina questa furia.

Solo tu puoi farlo.


Dai una forma al dolore,

circondalo con uno steccato,

privalo dell'infinito,

permettigli di occupare

solo uno spazio definito.

Il dolore senza forma soffoca,

è un gas che si espande,

si insinua in ogni piccola fessura,

non lascia posto ad altro.

Non puoi eliminarlo

accoglilo

ma confinalo.

Quella porta di tanto in tanto si riaprirà

e tu ne varcherai la soglia

consapevole

che ci sono altri spazi da abitare.


Il dolore non è l'unica stanza del cuore.

34 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SCRIVO PERCHÉ… di Mariateresa Scionti

Scrivo perché mi pesa il cuore, perché le parole, a volte, martellano così forte da farsi strada prepotentemente e gettarsi sulla carta. Scrivo perché è l'unico modo che ho per stringerti e respirarti

NVS219 di Alessandro Mazzà

Il mio destinatario passeggero eterno offre l’ascoltatore che ha in sé Così queste parole e non queste nascevano per farsi dire Sono finte pagine ma le pagine prenderanno un tradimento in affidamento

LOTTA di Sandra Iai

Quell'onda impetuosa che a volte mi afferra mi trascina in angoli inesplorati della mia mente Malata è la comunicazione parole distorte di ingiustificata superbia arrivano al mio orecchio Annaspo e lo