Cerca
  • Libereria

LA MORTE DEL SIPARIO di Gianluca Sonnessa

Sono stato sull'orlo del burrone.

Per diventare l'orlo, il burrone, la caduta, l'ultima onda sotto l'ultimo cielo dell'ultimo mio attimo di morte.

Sono stato l'amore.

Per diventare il suo sangue, la sua ombra, la sua assenza assordante, la sua notte ubriaca di gin del discount, le sue nocche rotte, il suo strisciante ritorno.

Sono stato uno sguardo infinito.

Per diventare la fine, la solitudine di una folla, la numero otto finita in buca al primo tiro, il lucchetto senza chiave, i denti rotti sotto la morsa della rabbia.

Sono stato una foresta gonfia di esistenze.

Per diventare un pugno di terra rossa soffiata dal Sìmun, la casa abbandonata dal paguro, il cono d'ombra dell'eclissi, il ramo spogliato del glicine.

Poi sei stata tu, siamo stati noi, e le innumerevoli morti vissute sono diventate pane per questi fogli.

30 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

IL CERCHIO di Gianluca Sonnessa

I vicoli stretti nell'abbraccio delle case in pietra, il suono dei nostri passi, un bacio autunnale. Ai piedi del lampione il cappello del sassofonista con qualche moneta. Perdermi e ritrovarti, nel m

LACRIME DAL CIELO di Sandra Iai

Una suola di cuoio batte ritmicamente sull'asfalto bagnato nella notte della città Il fascio di luce dei fari di una vecchia utilitaria illumina le goccioline sollevate dall'impatto Seduta sul gradino

NVS251 di Alessandro Mazzà

Il peso dei sogni mi sveglia Meravigliatevi basta torniamo alla scena Eccomi sono ancora uno spiantato felice e generoso moribondo trovo il tempo di scrivere qualcosa che sembra per voi C’è stato un i