Cerca
  • Libereria

LA MORTE DEL SIPARIO di Gianluca Sonnessa

Sono stato sull'orlo del burrone.

Per diventare l'orlo, il burrone, la caduta, l'ultima onda sotto l'ultimo cielo dell'ultimo mio attimo di morte.

Sono stato l'amore.

Per diventare il suo sangue, la sua ombra, la sua assenza assordante, la sua notte ubriaca di gin del discount, le sue nocche rotte, il suo strisciante ritorno.

Sono stato uno sguardo infinito.

Per diventare la fine, la solitudine di una folla, la numero otto finita in buca al primo tiro, il lucchetto senza chiave, i denti rotti sotto la morsa della rabbia.

Sono stato una foresta gonfia di esistenze.

Per diventare un pugno di terra rossa soffiata dal Sìmun, la casa abbandonata dal paguro, il cono d'ombra dell'eclissi, il ramo spogliato del glicine.

Poi sei stata tu, siamo stati noi, e le innumerevoli morti vissute sono diventate pane per questi fogli.

31 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st