Cerca
  • Libereria

LA MOSCA di Dario De Santis

Sei ancora lì, m’è passata la furia omicida di ieri sera, quando mi ronzasti in un orecchio mentre sul divano guardavo un programma con cuochi stellati che propinavano ricette belle all’origine, quand’erano buoni piatti popolari, prima di diventare degli orribili ”gourmet”... cavolo, ci ricasco come al solito, cambio continuamente discorso, capacità di concentrazione di un pioppo.

Ricominciamo.

Sei ancora lì, ora ti sei appoggiata ad uno stipite della cucina, ti muovi lentamente, sei vecchia, stai pensando alla tua vita di merda, che per te comunque è stata positiva, in giro all’aria aperta, finché ieri hai iniziato a sentire freddo, ormai è dicembre, ti giri verso di me, cerchi di farmi pena?

Pensi mi sia passata? Forse hai ragione, ti vedo quasi con affetto mentre inizio a prepararmi la colazione, prendo lo zucchero dallo sportello, lo richiudo, solo un piccolo movimento, ti senti di casa? Mentre infilo l’orzo nel microonde mi ronzi un ultima volta, volevi ringraziarmi? Non l’ho apprezzato, mi giro, prendo lo scacciamosche e con un colpo secco ti getto nell’organico, fine

dell’amicizia, addio.

11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

NVS229 di Alessandro Mazzà

Perché ho in testa una canzone? Non è veramente nella mia testa mi sta dicendo cos’è una testa Cos’è una canzone? È la figlia e la madre della musica e non è una risposta e non è una risposta questa O

SENZA TITOLO di Jans Illusion

Nel mio mondo ormai artefatto Lei non appare mai e si naviga nel tormento.

IL VOLO DEI GABBIANI di Sandra Iai

Strappami dalle grinfie del mondo il volo dei gabbiani dice che hai la forza per farlo Solleva quest'involucro dalla cera che cola da questa pozza di sangue creata dal pensiero Afferra i miei polsi e