Cerca
  • Libereria

LA PAURA DI LUCIFERO di Sandra Iai

Era proprio davanti a me

con quei suoi gelidi occhi

lo sguardo malvagio

a creare un'inquietudine

mai conosciuta prima


Attraversavo l'inferno

la sua casa

costruita da lui stesso

per punire le sue creature

e nascondere le sue paure


All'improvviso mi resi conto

che immerso in quella malvagità

c'era tanto sgomento

da rendere quel mostro

quasi umano


Ci guardava seduto

infliggere ai più deboli

le peggiori torture

e si sentiva buono

non sarebbe mai arrivato

a tanto orrore


Mi domandò il motivo del mio passaggio

in quel luogo angosciante

risposi che ero in cerca del Poeta

torna a casa mi disse

è già lì ad aspettarti


E l'angelo ribelle

si gettò di nuovo tra le fiamme

alle quali l'umanità

lo aveva condannato

per ripararsi dalle tenebre

6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st