Cerca
  • Libereria

LANCIO N'APPE'L PERCHE' VOJO JOCA' di Walter Festuccia

Oggi cjò voja dè jòcà cò lè pàròl, scùsàtème sì scrìvo còm mè pàr, che cazz n'torno c'è là desolazzion er futuro è n'cert e buio più dè la not e che cazz la gente nun ride più,la gènt lè preoccupà, nun sà più che fà, là vìòlènz àncòr nùn è fìnì, ma seccono voi n'giovane che pò penzà? Penza che stò monno l'è pazz e nun c'è stà gnent dà fà allor dè nòt sè là spass cò la mòvìdà e chì s'è vist, s'è vist, ma io oggi vòjo jòcà e lancià n'appel a tutti li scrittor, lì poet, tutta gent chè cò la pen cè sà fà, nnàmo dàtève dà fà, scrivete quello chè vèdè ma fàtèlo cò ironic, leggiadric, simpàtic e còr sòrris, pure voi jòcate cò lè paròl dìmo bast à là trìstè e alla demorallizzàzziòn, l'è mònd ancòr nun è finìì mica stàm all'àpòcàliss e che cazz, daje n'pò scrittòr  vòi cjavete avùt le bùs dè cul dè scriv bèn pròvàm a règàlà spèrànz e òttìmìsm e sè la gènt ride màgàra vivranno mejo la jùrnà, mò nun ròmpète er cà e sì pòtète fàte i brav, là gènt vè ringràzzìerà e forze nù pizzico dè fèlìcìtà àrìtòrnèrà.

29 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof