Cerca
  • Libereria

LE PENNE DEI CORVI di Gianluca Sonnessa

I corvi gli volano sopra, poco più in alto disegno cerchi nell'aria osservando la scena.

Decine di penne si staccano dalle ali nere e gracchianti, cadono al suolo, andrò a prenderle quando sarà il momento.

Sono pronto ad andarmene lontano con il suo ultimo respiro in tasca, devo solo decidere quando dargli la fine.

Già, perché ho la sua esistenza sulla punta delle labbra, il mio sguardo sorride leggendo la paura disegnata nel suo.

Non ride più, è un condannato con la schiena a terra e braccia tese al cielo, le mani stringono una corda che ho legata al collo, con le ultime forze concesse cerca di tirarmi giù.

Non riesce, non può più farlo, sente l'odore pungente della sconfitta, lui, che si credeva invincibile.

Il suo stupore è ossigeno che riempie i polmoni, lo respiro a fondo, mi rigenera.

Chiudo le ali di cera che il sole di agosto non è riuscito a sciogliere, sono in picchiata.

Supero i corvi, supero l'aria, supero il tempo e lo spazio.

Ho le labbra a qualche centimetro dal suo orecchio, la sentenza è matura.

"Tu non esisti".

Il suo ultimo grido disperato rompe le nuvole, cadono pezzi di cielo, la terra si crepa, l'orizzonte da lui dipinto scompare.

Quel corpo ora è cenere spazzata dal vento, la corda è dissolta.

Raccolgo le penne, troverò sulla strada foglie da scrivere.

L'eroe è morto, sono libero di andarmi a cercare.

37 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

NVS195 di Alessandro Mazzà

La seria entità convenzionalmente individuabile nella particella complessa d’energia mutevole per uno dei suoi più noti transiti denominata A.M. ha lasciato meno faticosamente di quanto appare il corp

ORATIO di Sandra Iai

Chi mi restituirà quest'attimo unico irripetibile che sta fuggendo via? Mentre scrivo preziosi istanti come acqua limpida scivolano tra le mie dita E quando il mio sguardo è puntato al domani e gli oc

SPECCHIO di Majlinda Petraj

Poso a terra il carico di fango, sassi e vestiti da cerimonia e mi siedo al centro di Me aspettando. La 'bambina' titubante dondolando sui suoi passi s'avvicina, si siede di fronte. Ci guardiamo. Guar

© 2017 Libereria