Cerca
  • Libereria

LE SPORCHE MANI DELL'INNOCENZA di Gianluca Sonnessa

a macchina è in moto.

Dicono sia arrivato da Wuhan, poco più di un'influenza.

Gli scienziati parlano di spillover, il virus è passato dai pipistrelli all'uomo, il luogo dei primi contagi potrebbe essere un wet market.

Mercato umido.

Il cliente vuole vedere l'animale vivo, quando ha individuato la vittima discute sul prezzo, il venditore affila il coltello e sorride.

Banconote e monete, pance aperte e pance piene.

L'inferno sotto gli occhi del cielo, lame sulle giugulari, mani nude strappano la pelle mostrando gli ultimi spasmi di muscoli e tendini.

Un bastone crepa il cranio di un cane, ha la lingua fuori, le zampe si irrigidiscono, crolla, muove ancora la coda.

L'albero non sapeva che l'uomo l'avrebbe trasformato in un assassino.

Divento quel cane.

Terrore, dal petto esce qualcosa di caldo, provo a tirare giù il muso, cerco un odore, buio.

Ero un cane.

La terra beve il sangue degli innocenti, un giorno quel sangue tornerà per chiedere il conto.

Qui stiamo bene, siamo brave persone, non mangiamo cani, i gatti dormono nel nostro letto.

Un gruppo di bambini visita l'agriturismo, gli agnelli si lasciano accarezzare.

Appeso al collo portano un cartello ancora non visibile.

Agnello da latte intero, offerta, 21.14 €/kg.

43 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

IL CERCHIO di Gianluca Sonnessa

I vicoli stretti nell'abbraccio delle case in pietra, il suono dei nostri passi, un bacio autunnale. Ai piedi del lampione il cappello del sassofonista con qualche moneta. Perdermi e ritrovarti, nel m

LACRIME DAL CIELO di Sandra Iai

Una suola di cuoio batte ritmicamente sull'asfalto bagnato nella notte della città Il fascio di luce dei fari di una vecchia utilitaria illumina le goccioline sollevate dall'impatto Seduta sul gradino

NVS251 di Alessandro Mazzà

Il peso dei sogni mi sveglia Meravigliatevi basta torniamo alla scena Eccomi sono ancora uno spiantato felice e generoso moribondo trovo il tempo di scrivere qualcosa che sembra per voi C’è stato un i