Cerca
  • Libereria

LEGGENDA di Valentino Picchi Hechìzo

Nelle trame del vento

lessi

di te amazzone

vibrare il colpo sul

fianco al destriero

con lo sperone delle

tue labbra.

Mutata la bestia in sentiero,

nella sua corsa

specchiai la mia faccia e

indovinai il mio passato:

fiamma dal mare,

confetto di brace esploso

nella mia tempia,

pietra angolare di una dimora

sepolta nella mia coscienza:

ad est vi combatteva un popolo

guerriero,

da ovest parlavano i profeti di pace,

una geometria di pulpiti

di cui tu danzando

immaginavi i confini

mentre io bramavo la fuga.

La mia regola non è parola,

la mia storia è lingua

di domani, i corpi già la

raccontano: io sono in ascolto.

44 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

LA MORTE DEL SIPARIO di Gianluca Sonnessa

Sono stato sull'orlo del burrone. Per diventare l'orlo, il burrone, la caduta, l'ultima onda sotto l'ultimo cielo dell'ultimo mio attimo di morte. Sono stato l'amore. Per diventare il suo sangue, la s

NVS208 di Alessandro Mazzà

Cosa scrivo? Il poema dell’inesistenza dello spazio e del tempo e del loro fare un bel male Tutto intero il libro del mondo nel piccolo mio capitolo del libro del mondo Che sono un uomo che vuol dire

IL GESTO DELL'ABBRACCIO di Sandra Iai

Il libro fa il gesto dell'abbraccio prendendo i tuoi pensieri li custodisce nel segreto delle sue pagine chi vorrà muovere i suoi passi chi si soffermerà al suo interno avrà preso la decisione di entr