top of page
Cerca
  • Libereria

LETTERA A F di Matteo Gentili

Ho un amico, si chiama F Non proclama drammi La verità fa paura Toglie all'anima tutti i grammi Nei momenti più felici Abbassa un po' lo sguardo La felicità nasconde cicatrici Che fanno male in ritardo La bontà di gesti Di cui non tieni conto Tutto ha il valore di un momento Anche le fatiche a cui ti presti

Sembri un lavoratore infaticabile Nascondendo sempre quel qualcosa Sembri vivere un vita impossibile Ma i tuoi occhi hanno un'ombra, Ed ora che ti osservo con occhi diversi Ora che capisco i tuoi momenti Ora che capisco il motivo per cui combatti Apprezzo la realtà, nascosta negli occhi tristi

E se mi chiederanno Il perché di quello sguardo Indicherò il petto Contando ogni battito Come fai tu osservando quel macchinario

Ora hai gli occhi tristi È difficile nascondere un'emozione Hai gli occhi di chi osserva il mondo Con la dovuta attenzione ​

E se mi chiederanno Sono lacrime quelle che vedo? Asciugherò il mio viso Perché il tuo è il coraggio L'unica cosa in cui credo davvero...

24 visualizzazioni1 commento

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st

bottom of page