Cerca
  • Libereria

LETTERA A MIO FIGLIO di Michela Gallo

Amore sai... Ti ho aspettato

ti ho aspettato a lungo

ti ho desiderato tanto

Quando ho conosciuto tua madre

ero in un periodo buio per la mia vita

lei ha saputo ridarmi la vita, il sorriso

Tu non sei ancora nato

e in questo momento sono in videochiamata con tua madre

e tua nonna che non sta tanto bene

tranquillo, ha solo un male alla pancia...

avrà preso freddo

Amore, quando nascerai

avrai tutta la mia attenzione,

mi prenderò cura di te e delle tue esigenze

veglierò su di te piccolo e diventerò

un angelo per vederti da distante e proteggerti

quando sarai grande

Amore, ti darò tutto l'amore possibile

cercherò di indirizzarti verso le cose per me giuste

senza però interferire nelle tue scelte

ti giuro, cercherò di mettere da parte

le mie aspettative su di te

affinché tu possa diventare un essere umano

e non un essere e basta

15 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof