Cerca
  • Libereria

LUI di Mariagrazia De Trane

Arriva l’estate

nuove avventure, nuove risate,

lacrime

e favole dimenticate.

Volate.

C’è chi è rimasto

e chi se ne è andato,

chi resterà

e chi se ne andrà.

Ma quel secolo quando arriverà?

Quando verrà la notte,

calerà il cielo

sentirò la morte

ricoperta dal gelo,

il gelo che emana il sudore,

freddo come il sangue

amaro come il cuore,

il cuore pazzo,

innamorato,

di lui e del suo sole.

Che era è questa?

Mi sono già appartenuta?

Mi sono già innamorata?

Non posso lasciarlo andare,

lui,

che mi ha sempre amata.

26 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof