Cerca
  • Libereria

LUI di Mariagrazia De Trane

Arriva l’estate

nuove avventure, nuove risate,

lacrime

e favole dimenticate.

Volate.

C’è chi è rimasto

e chi se ne è andato,

chi resterà

e chi se ne andrà.

Ma quel secolo quando arriverà?

Quando verrà la notte,

calerà il cielo

sentirò la morte

ricoperta dal gelo,

il gelo che emana il sudore,

freddo come il sangue

amaro come il cuore,

il cuore pazzo,

innamorato,

di lui e del suo sole.

Che era è questa?

Mi sono già appartenuta?

Mi sono già innamorata?

Non posso lasciarlo andare,

lui,

che mi ha sempre amata.

27 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st