Cerca
  • Libereria

LUI di Mariagrazia De Trane

Arriva l’estate

nuove avventure, nuove risate,

lacrime

e favole dimenticate.

Volate.

C’è chi è rimasto

e chi se ne è andato,

chi resterà

e chi se ne andrà.

Ma quel secolo quando arriverà?

Quando verrà la notte,

calerà il cielo

sentirò la morte

ricoperta dal gelo,

il gelo che emana il sudore,

freddo come il sangue

amaro come il cuore,

il cuore pazzo,

innamorato,

di lui e del suo sole.

Che era è questa?

Mi sono già appartenuta?

Mi sono già innamorata?

Non posso lasciarlo andare,

lui,

che mi ha sempre amata.

24 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SCRIVO PERCHÉ… di Mariateresa Scionti

Scrivo perché mi pesa il cuore, perché le parole, a volte, martellano così forte da farsi strada prepotentemente e gettarsi sulla carta. Scrivo perché è l'unico modo che ho per stringerti e respirarti

NVS219 di Alessandro Mazzà

Il mio destinatario passeggero eterno offre l’ascoltatore che ha in sé Così queste parole e non queste nascevano per farsi dire Sono finte pagine ma le pagine prenderanno un tradimento in affidamento

LOTTA di Sandra Iai

Quell'onda impetuosa che a volte mi afferra mi trascina in angoli inesplorati della mia mente Malata è la comunicazione parole distorte di ingiustificata superbia arrivano al mio orecchio Annaspo e lo