Cerca
  • Libereria

MA(D)RE di Noemi Agostino

Scruto il mare,

quelle onde si infrangono

e ricominciano

con tenacia:

spumantine bolle salate

luccicano e si scontrano

in clinamen.

Nasce la vita.

Che mi offristi,

in concitata lotta.

Ed io ti guardo,

seduta su sassi

che mi fanno male.

Tu infrangiti ancora:

presto i venti del Nord

ululeranno sotto altri cieli,

E Tu,

luccicherai di calma

ed io,

sorriderò. 

56 visualizzazioni2 commenti

Post recenti

Mostra tutti

NVS164 di Alessandro Mazzà

I poeti che invecchiano hanno una lunga stagione finale Hanno capito finalmente tutto della vita ammettono anche me al loro circolo dove continuo a non salutare nessuno Fuori c'è il mondo di fuori al

RIPOSO di Sandra Iai

Lascia andare per quanto ti sforzi per quanto tenti di serrare le dita l'acqua scorre e riuscirà a passare Lascia perdere i tuoi pensieri ti torturano la rabbia per le ingiustizie ti impedisce un sonn

© 2017 Libereria