Cerca
  • Libereria

MACERIE di Noemi Agostino

Non c’è posto qui

tra le macerie

per chi non si dà tregua

cercando di spegnere

anche i piccoli fuochi.

Il legno vuole bruciare

e godersi

il lento suo affievolirsi

fino a sgretolarsi.

Vuole vivere e morire

vuole essere albero

e cenere.

Vuole sussurrare qualcosa mentre

soffia il vento tra il suo fogliame,

vuole raggelarsi

nell’aria immobile.

Parlerà quando il fulmine

lo colpirà.

Poi

nel suo silenzio di cenere

continuerà a sussurrare

A chi pur tremando

non si opporrà

al grigio svolazzare

e al suo lavare via

ogni dolore.

35 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof