Cerca
  • Libereria

MIEI CARI FOLLI di Luigi Costantino

Qual è il corretto modo di respirare?

Non siamo nulla se non accogliamo la bellezza che abbiamo intorno.

Lasciamoci affascinare da un filo d'erba, chiediamo qual è il senso al primo fiore che incontriamo.

Mettiamoci a dialogare con il silenzio.

Essere vivi significa percepire l'eterno, guardarsi dentro e cogliere l'infinito.

"Se Dio esiste non è anche dentro me"?

Fidiamoci allora, zaino in spalla e via, inizia l'avventura.

Tra sangue ed euforia, dubbi e speranze, sorprese che profumano di rinascita.

Godiamoci la musica del giorno e l'elettrizzante emozione di sentire l'aria sulla faccia.

Camminiamo con l'anima di chi sa che non dovrà più morire.

Siamo qui, nati per stupirci.

Stupiamoci quindi: ogni sentimento che sentiamo sulla pelle è un miracolo che si rinnova.

Tenerezza, gioia, dolore, sorrisi e lacrime, adrenalina e sconforto; reazioni vincenti: cadere per rialzarsi più forti, essere grati, gelosi, e infine pazzi.

Vivere significa alimentare follie.

Solo i folli sanno apprezzare le infinite sfumature dell'esistere.

Solo i folli sanno chiudere gli occhi e continuare a vedere.

Vedere cosa? L'invisibile, dietro la tendina delle apparenze.

La vita è piena di doni nascosti.

Vivere è andare alla ricerca di questi doni inaspettati, delle incredibili meraviglie che solo la mente di un folle può scovare.

Benvenuti su questa terra, miei cari folli.

Il mondo è vostro.

36 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SCRIVO PERCHÉ… di Mariateresa Scionti

Scrivo perché mi pesa il cuore, perché le parole, a volte, martellano così forte da farsi strada prepotentemente e gettarsi sulla carta. Scrivo perché è l'unico modo che ho per stringerti e respirarti

NVS219 di Alessandro Mazzà

Il mio destinatario passeggero eterno offre l’ascoltatore che ha in sé Così queste parole e non queste nascevano per farsi dire Sono finte pagine ma le pagine prenderanno un tradimento in affidamento

LOTTA di Sandra Iai

Quell'onda impetuosa che a volte mi afferra mi trascina in angoli inesplorati della mia mente Malata è la comunicazione parole distorte di ingiustificata superbia arrivano al mio orecchio Annaspo e lo