top of page
Cerca
  • Libereria

NOVECENTO di Valentino Picchi

La tua ala

bianca e nucleare

ha vegliato i nostri

giochi da cortile,

cresciuti imparando

a morire senza

imparare a leggere,

le nostre mani amare

mai provarono ad amare

nei dolci pomeriggi

di merende fredde

come quella guerra:

mosche allevate

in un bicchiere

a digiuno di letame

però sazie di verità.

Uno, due, tre la stella

quattro, cinque, sei la bomba,

niente accade nella mente

finché non la si osserva

niente nella vita

finché non la si muore,

e niente, un così profondo niente,

nella storia che ci muove

finché non la si conta.

20 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st

bottom of page