Cerca
  • Libereria

NOVECENTO di Valentino Picchi

La tua ala

bianca e nucleare

ha vegliato i nostri

giochi da cortile,

cresciuti imparando

a morire senza

imparare a leggere,

le nostre mani amare

mai provarono ad amare

nei dolci pomeriggi

di merende fredde

come quella guerra:

mosche allevate

in un bicchiere

a digiuno di letame

però sazie di verità.

Uno, due, tre la stella

quattro, cinque, sei la bomba,

niente accade nella mente

finché non la si osserva

niente nella vita

finché non la si muore,

e niente, un così profondo niente,

nella storia che ci muove

finché non la si conta.

19 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof