top of page
Cerca
  • Libereria

NUCLEO di Majlinda Petraj

Hai contato i colpi d'ascia

dove ho incontrato il terrore.

Sui palmi ti scorrevano

le mie lacrime,

imprendibili come il dolore.

Inutile la ricerca

di raccogliere memoria

come le nubi, si dirada velocemente

negli angoli dove mi nascondo

per interrogarmi.

Hai affrontato il fuoco

e la freddezza dello sguardo

quando corre lontano da me

per raggiungerti.

Non ti è bastato.

Sapevi che c'era qualcosa sotto

giusto sotto le macerie.

Hai continuato a scavare

e non accontentarti

fino al bagliore del mio cuore.

In mezzo a tanta polvere

vedevo chiaro

il tuo sorriso.

25 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st

bottom of page