Cerca
  • Libereria

NUCLEO di Majlinda Petraj

Hai contato i colpi d'ascia

dove ho incontrato il terrore.

Sui palmi ti scorrevano

le mie lacrime,

imprendibili come il dolore.

Inutile la ricerca

di raccogliere memoria

come le nubi, si dirada velocemente

negli angoli dove mi nascondo

per interrogarmi.

Hai affrontato il fuoco

e la freddezza dello sguardo

quando corre lontano da me

per raggiungerti.

Non ti è bastato.

Sapevi che c'era qualcosa sotto

giusto sotto le macerie.

Hai continuato a scavare

e non accontentarti

fino al bagliore del mio cuore.

In mezzo a tanta polvere

vedevo chiaro

il tuo sorriso.

24 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

IL CERCHIO di Gianluca Sonnessa

I vicoli stretti nell'abbraccio delle case in pietra, il suono dei nostri passi, un bacio autunnale. Ai piedi del lampione il cappello del sassofonista con qualche moneta. Perdermi e ritrovarti, nel m

LACRIME DAL CIELO di Sandra Iai

Una suola di cuoio batte ritmicamente sull'asfalto bagnato nella notte della città Il fascio di luce dei fari di una vecchia utilitaria illumina le goccioline sollevate dall'impatto Seduta sul gradino

NVS251 di Alessandro Mazzà

Il peso dei sogni mi sveglia Meravigliatevi basta torniamo alla scena Eccomi sono ancora uno spiantato felice e generoso moribondo trovo il tempo di scrivere qualcosa che sembra per voi C’è stato un i