Cerca
  • Libereria

NUCLEO di Majlinda Petraj

Hai contato i colpi d'ascia

dove ho incontrato il terrore.

Sui palmi ti scorrevano

le mie lacrime,

imprendibili come il dolore.

Inutile la ricerca

di raccogliere memoria

come le nubi, si dirada velocemente

negli angoli dove mi nascondo

per interrogarmi.

Hai affrontato il fuoco

e la freddezza dello sguardo

quando corre lontano da me

per raggiungerti.

Non ti è bastato.

Sapevi che c'era qualcosa sotto

giusto sotto le macerie.

Hai continuato a scavare

e non accontentarti

fino al bagliore del mio cuore.

In mezzo a tanta polvere

vedevo chiaro

il tuo sorriso.

24 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof