Cerca
  • Libereria

NVS164 di Alessandro Mazzà

I poeti che invecchiano hanno una lunga stagione finale


Hanno capito finalmente tutto della vita ammettono anche me al loro circolo dove continuo a non salutare nessuno


Fuori c'è il mondo di fuori al quale pensavo da poeta giovane di voler approdare


Ma allora c'era un altro silenzio e forse intendo quello in me quello pensato


Torniamo a noi in un solo lungo verso finale


Questo è solo un inno ai fiori ignoranti di settembre

14 visualizzazioni1 commento

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof