Cerca
  • Libereria

NVS208 di Alessandro Mazzà

Cosa scrivo?


Il poema dell’inesistenza dello spazio e del tempo

e del loro fare un bel male


Tutto intero il libro del mondo

nel piccolo mio capitolo del libro del mondo


Che sono un uomo che vuol dire qualcosa

dentro una parola vuota che vuol dirmi qualcosa


Che dire cosa è già un come e un perché


L’amore e le sue belle forme che abitano per mai riempire

il senso dell’udire


Il silenzio che ci chiama

e quello che ci attende e ci comprende e ci comprende


Che la domanda vincerà sempre


E tutto ciò che non scrivo

8 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SCRIVO PERCHÉ… di Mariateresa Scionti

Scrivo perché mi pesa il cuore, perché le parole, a volte, martellano così forte da farsi strada prepotentemente e gettarsi sulla carta. Scrivo perché è l'unico modo che ho per stringerti e respirarti

NVS219 di Alessandro Mazzà

Il mio destinatario passeggero eterno offre l’ascoltatore che ha in sé Così queste parole e non queste nascevano per farsi dire Sono finte pagine ma le pagine prenderanno un tradimento in affidamento

LOTTA di Sandra Iai

Quell'onda impetuosa che a volte mi afferra mi trascina in angoli inesplorati della mia mente Malata è la comunicazione parole distorte di ingiustificata superbia arrivano al mio orecchio Annaspo e lo