Cerca
  • Libereria

NVS232 di Alessandro Mazzà

Scriviti la canzone che vuoi sentire

solo la canzone tua sarà la canzone perfetta tua

sputa in faccia a me che scrivo questa

non devi voler bene alla mia

vattene subito via da qui

se mi ascolti non ascoltarmi

smetti di dirmi bravo grazie hai trovato la lingua

come se io l’avessi fatto per te

non avrei neanche potuto perché non sei intero

e non mi stai dicendo tutto

e non mi stai dicendo per esempio

che avresti cambiato comunque alla canzone mia

quella parola o quel verso

che avresti cambiato comunque la canzone mia

adesso vai e abbi responsabilità

perché anch’io sto aspettando la canzone tua

che sarà buona compagna della canzone mia

non buona per te

ma non sarà buona per me

che voglio essere buon compagno tuo

come di tutti i maestri

e di nessun allievo

8 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

IL CERCHIO di Gianluca Sonnessa

I vicoli stretti nell'abbraccio delle case in pietra, il suono dei nostri passi, un bacio autunnale. Ai piedi del lampione il cappello del sassofonista con qualche moneta. Perdermi e ritrovarti, nel m

LACRIME DAL CIELO di Sandra Iai

Una suola di cuoio batte ritmicamente sull'asfalto bagnato nella notte della città Il fascio di luce dei fari di una vecchia utilitaria illumina le goccioline sollevate dall'impatto Seduta sul gradino

NVS251 di Alessandro Mazzà

Il peso dei sogni mi sveglia Meravigliatevi basta torniamo alla scena Eccomi sono ancora uno spiantato felice e generoso moribondo trovo il tempo di scrivere qualcosa che sembra per voi C’è stato un i