Cerca
  • Libereria

NVS239 di Alessandro Mazzà

Noi non vediamo nemmeno

il Regno delle Terre

lì dove sorse la parola No


Ma siamo abitabili come un’attesa

senza una canzone buona

per il ritorno


Presto vengono a trovarci


La visione non è il potere

ma c’è una pianta spergiura

che complotta crescendo


Chiudi l’occhio che usi di meno


Vedi bene che ho per le mani

segni poco sfrontati

che qui fingono di risuonare


Il mio ufficio li forza insieme

in un modo mondo immemorabile

fuori uso


It’s up to you


A cosa serve il Poeta

quelle belle domande pianeggianti

che investivo un tempo


Nel buon vecchio Regno dei Cieli


Dove siamo stati infelici

e pacificati

8 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof