Cerca
  • Libereria

NVS239 di Alessandro Mazzà

Noi non vediamo nemmeno

il Regno delle Terre

lì dove sorse la parola No


Ma siamo abitabili come un’attesa

senza una canzone buona

per il ritorno


Presto vengono a trovarci


La visione non è il potere

ma c’è una pianta spergiura

che complotta crescendo


Chiudi l’occhio che usi di meno


Vedi bene che ho per le mani

segni poco sfrontati

che qui fingono di risuonare


Il mio ufficio li forza insieme

in un modo mondo immemorabile

fuori uso


It’s up to you


A cosa serve il Poeta

quelle belle domande pianeggianti

che investivo un tempo


Nel buon vecchio Regno dei Cieli


Dove siamo stati infelici

e pacificati

7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

IL CERCHIO di Gianluca Sonnessa

I vicoli stretti nell'abbraccio delle case in pietra, il suono dei nostri passi, un bacio autunnale. Ai piedi del lampione il cappello del sassofonista con qualche moneta. Perdermi e ritrovarti, nel m

LACRIME DAL CIELO di Sandra Iai

Una suola di cuoio batte ritmicamente sull'asfalto bagnato nella notte della città Il fascio di luce dei fari di una vecchia utilitaria illumina le goccioline sollevate dall'impatto Seduta sul gradino

NVS251 di Alessandro Mazzà

Il peso dei sogni mi sveglia Meravigliatevi basta torniamo alla scena Eccomi sono ancora uno spiantato felice e generoso moribondo trovo il tempo di scrivere qualcosa che sembra per voi C’è stato un i