Cerca
  • Libereria

NVS251 di Alessandro Mazzà

Il peso

dei sogni

mi sveglia


Meravigliatevi

basta

torniamo alla scena


Eccomi

sono ancora uno spiantato

felice e generoso

moribondo trovo il tempo

di scrivere

qualcosa che sembra per voi


C’è stato un incidente tra due strofe

con versi vittimistici per vittime


È caduto un senso

come cade

se cade

l’autunno


Ma l’altro me che incombe

e arriva sempre soltanto alla fine

dirà

ma no

è solo quella stronza

della verità


Poi nella scena finale

uno che sa leggere

ma non lo sa

a uno a uno di sé

se ne va

3 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof