Cerca
  • Libereria

NVS98 di Alessandro Mazzà

L’ultima casuale immagine avrai tra poco darà quella luce sulle mancate coerenze del mondo attesa e insospettabile come ogni arrivo velo spiegato e ciò che non hai osato chiamare fine perché tradiva sempre la tua paura la tua fede la bella inquadratura che non sei ancora stato neanche con l’invenzione del tempo in aiuto per gettarti in pasto al fingere la parola assente a confidare in millenni di riparazioni di occhi come questi a cura degli allievi di chi non ne ha avuto competenza ma salvati sottraiti abbi anche tu finali ridicoli prima che sia troppo tardi o che tu sia troppo grande prima di vincere voltarti pensare correzioni

12 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SCRIVO PERCHÉ… di Mariateresa Scionti

Scrivo perché mi pesa il cuore, perché le parole, a volte, martellano così forte da farsi strada prepotentemente e gettarsi sulla carta. Scrivo perché è l'unico modo che ho per stringerti e respirarti

NVS219 di Alessandro Mazzà

Il mio destinatario passeggero eterno offre l’ascoltatore che ha in sé Così queste parole e non queste nascevano per farsi dire Sono finte pagine ma le pagine prenderanno un tradimento in affidamento

LOTTA di Sandra Iai

Quell'onda impetuosa che a volte mi afferra mi trascina in angoli inesplorati della mia mente Malata è la comunicazione parole distorte di ingiustificata superbia arrivano al mio orecchio Annaspo e lo