Cerca
  • Libereria

OCCHI DI MARZO di Stefania Rossi

Ho gli occhi di marzo

Piagnucolo spesso

Dentro i miei non lo so

Eri qui ma non è lo stesso

Dipendo da tutti temporali

Mi svesto di mai

Forse adesso

Preferisco i miei posso

O non posso

Ti aspetto

Ho gli occhi di marzo

Nonostante il mio rosso

Vesto di nero

Mi aiuta gettarmelo addosso

Mi guardo pensante

In specchi rotanti

Aiutami a scrivere dei versi

Brillanti

Sia terra che mare

Disegna il mio viso

Che è fatto di piccoli rammendi

Di cieli.

Di quelli piovosi

Lasciati lontano

Che insegnano al mondo

Pezzetti di tiamo

4 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Sono già morto e non nascerò sono appena nato mi lascio e tornerò sono il trascorrere in un punto e non sono quel punto sono l’inutile contare dormo da duecentomila anni e dormo tra duecentomila anni

Sono la parte vera del tuo sogno la fiamma che respira e scalda ogni tuo giorno il punto in cui la cascata s'infrange lo scoglio che riceve la luce che disseta Il buio l'hai sconfitto già in passato e

Che futilità essere contenti. Lo spessore, il valore, le perle dell’anima si manifestano nella sofferenza. Ma non si può sempre soffrire. Bisogna avere il coraggio di essere allegri. L’allegria è prof