Cerca
  • Libereria

OLTRE UNA NOTA STONATA di Majlinda Petraj

Curvato e cupo

su note malinconiche

accordate sul passato,

l'aria s'impregna di stanchezza

e le finestre chiuse

trattengono i ricordi.

Se provassi ad alzare la testa

e scorgere nell'orizzonte

una nuova chiave di Sol,

a muovere le dita

come a sfiorar la pelle

di un amore giovane che attende.

Spalanca le finestre,

lasciati attraversare dalla vita;

non puoi impedirle il passaggio

puoi prepararti allo scontro.

Mentre ti vesti di strati di saggezza

i tuoi calli acquistano valore,

le tue fragilità sono al sicuro

dentro parentesi d'esperienza.

L'alba può trovarti

di nuovo sereno,

una moka prepara il caffè,

per due.

La partitura è davanti a te,

vuota,

sarà una nuova canzone.

15 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

IL CERCHIO di Gianluca Sonnessa

I vicoli stretti nell'abbraccio delle case in pietra, il suono dei nostri passi, un bacio autunnale. Ai piedi del lampione il cappello del sassofonista con qualche moneta. Perdermi e ritrovarti, nel m

LACRIME DAL CIELO di Sandra Iai

Una suola di cuoio batte ritmicamente sull'asfalto bagnato nella notte della città Il fascio di luce dei fari di una vecchia utilitaria illumina le goccioline sollevate dall'impatto Seduta sul gradino

NVS251 di Alessandro Mazzà

Il peso dei sogni mi sveglia Meravigliatevi basta torniamo alla scena Eccomi sono ancora uno spiantato felice e generoso moribondo trovo il tempo di scrivere qualcosa che sembra per voi C’è stato un i