top of page
Cerca
  • Libereria

OLTRE UNA NOTA STONATA di Majlinda Petraj

Curvato e cupo

su note malinconiche

accordate sul passato,

l'aria s'impregna di stanchezza

e le finestre chiuse

trattengono i ricordi.

Se provassi ad alzare la testa

e scorgere nell'orizzonte

una nuova chiave di Sol,

a muovere le dita

come a sfiorar la pelle

di un amore giovane che attende.

Spalanca le finestre,

lasciati attraversare dalla vita;

non puoi impedirle il passaggio

puoi prepararti allo scontro.

Mentre ti vesti di strati di saggezza

i tuoi calli acquistano valore,

le tue fragilità sono al sicuro

dentro parentesi d'esperienza.

L'alba può trovarti

di nuovo sereno,

una moka prepara il caffè,

per due.

La partitura è davanti a te,

vuota,

sarà una nuova canzone.

16 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Se muoio adesso c’è una serie di cose non finite c’è una serie di cose che non andavano finite c’è una domanda su cosa sia davvero una cosa finita ma è una domanda che ci sarebbe in ogni caso c’è una

Ma che bella sera stasera amore mio con i tuoi baffi che tagliano il cielo e i capelli che fuggono dalla nuca e mi raccontano canzoni di traverso quelle che la poesia sgattaiola qua e l¢ Ma che bella

È sbagliato pretendere di più sbracciare sempre alla ricerca di quello che non puoi trovare. È sbagliato andare fuori tempo, fuori luogo, fuori tutto. È sbagliato ma io non son capace di percorrere st

bottom of page